Games

Xbox One X, Forza Motorsport 7, Gran Turismo Sport e WRC 7: ecco cosa ne penso

Dalla nuova console di casa Microsoft, Xbox One X, ai nuovi titoli di corse per console e PC, ho provato un po’ di tutto lo scorso sabato a Milano. Ecco quali sono le mie impressioni.

7 minuti

Lo scorso weekend si è tenuto a Milano un evento importante del panorama videoludico italiano, la Milan Games Week. Ve ne abbiamo già parlato sia venerdì scorso (Da oggi a domenica a Milano c’è la Milan Games Week: novità presenti in Fiera e non solo) sia domenica con una sintesi dell’evento (Milan Games Week 2017: le nostre anteprime e le nostre impressioni).

In questo articolo vi parlo di ciò che mi ha interessato maggiormente, ossia i titoli di corse. A dire il vero la mia passione più grande sono sempre stati i simulatori e Assetto Corsa per me resta sul gradino più alto del podio. Purtroppo però alla Milan Games Week di simulatori non c’era l’ombra.

Segui Stintup anche su Facebook per supportare il nostro lavoro e non perderti nemmeno una notizia. Sulla nostra pagina Facebook arriveranno notizie in anteprima, Instant Articles esclusivi, video esclusivi, dirette e molto altro!

Project Cars 2 c’era, vero, ma sinceramente non mi sento di classificarlo come simulatore (e, diciamocelo, è stato snobbato alla grande nella tre giorni di fiera, uno dei pochi giochi dove le postazioni erano sempre libere o con poca coda).

TT Isle of Man, altra grande delusione della Milan Games Week sinceramente. Mi aspettavo di vedere qualcosa che andasse oltre a qualche immagine su un piccolo schermo. Almeno una minima demo avrebbero dovuto portarla a mio avviso, specie perché era segnalato come uno dei titoli in anteprima.

Il grande assente

Tolti questi due titoli di simulativo non c’è rimasto proprio niente. C’era però una grande attesa, almeno per quanto mi riguarda, di vedere Forza Motorsport 7 all’opera con grafica 4K UHD direttamente su Xbox One X. La stessa attesa c’era per Gran Turismo Sport e WRC 7, che finalmente è passato a Big Ben Interactive, gli stessi che si occupano della serie TT.

Le premesse insomma c’erano e ci sono, ma come sarà andata la prova? Ve ne parlo proprio qui sotto.

Xbox One X e Forza Motorsport 7

Neanche il tempo di accreditarmi al desk in fiera mi sono fiondato allo stand Microsoft. Le code per provare la nuova Xbox One X e Forza Motorsport 7 erano davvero interminabili. Microsoft ha però messo a disposizione una piccola saletta riservata alla stampa per provare con mano la nuova X e il nuovo Forza, il tutto condito da una stupenda TV curva 4K, perfetta per gustarsi appieno le qualità della nuova console di casa Microsoft.

Xbox One X

Mi metto comodo davanti al TV, prendo in mano il controller e attendo il caricamento (abbastanza veloce se pensiamo alla qualità). Seleziono l’auto, tolgo quasi tutti gli aiuti per provare al meglio di cos’è capace il nuovo capitolo della saga Forza e parto. Neanche il tempo di fare un giro e… colpo di scena! La console va in crash e sono costretto a chiamare un addetto per sistemare il tutto. Vabbè, alla fine non è ancora disponibile sul mercato e manca ancora un po’ di tempo per affinarla.

Faccio tutto quanto da zero, mi rimetto comodo e parto per un nuovo giro su quello che considero uno dei più brutti circuiti mai realizzati per un videogame (ambientato sulle strade di Dubai). Parlo solo da un punto di vista della guidabilità ovviamente, se invece ci riferiamo al mero aspetto grafico e paesaggistico allora è molto bello e ben curato.

Partiamo quindi dalla grafica. Stupenda. Punto. Le gocce di pioggia sullo schermo, la polvere, i riflessi sulla macchina ragazzi, i riflessi! Sembra un film, insomma un qualcosa di reale. Sullo schermo 4K curvo l’immagine sembra essere in 3D, ci si immerge talmente tanto da distogliersi da tutto ciò che ci circonda. Una sensazione davvero fantastica. I 60 fps a questa qualità si sentono tutti e fanno la differenza, c’è poco da fare.

A livello di guida le cose non vanno peggio. Certo, non è un simulatore, ma togliendo tutti gli aiuti si riesce a capire abbastanza bene cosa vuole fare la macchina e allo stesso modo diviene abbastanza facile dirgli cosa vogliamo fargli fare.

Anche con il solo controller non è così complicato riprendere la vettura da un sottosterzo, così come non è difficile sottosterzare volutamente e uscire correttamente dalla curva. Una sensazione piacevole, anche grazie al controller di Xbox One X che personalmente amo molto, così come ho sempre amato i controller di casa Microsoft.

Le critiche, se devo farle, sono sempre quelle: manca, ahimè, una sezione simulativa, da usare esclusivamente con volante e pedaliera. Per il resto questa settima edizione è probabilmente il miglior Forza Motorsport mai creato, ma per esserne certi ci vorrebbero ore di gioco e non una decina di minuti ad una fiera.

Gran Turismo Sport

Purtroppo Sony, a differenza di Microsoft, non ha allestito alcuna saletta dedicata alla stampa. Così ho deciso di dedicare un’oretta di coda per provare Gran Turismo Sport in una delle postazioni portate dall’azienda giapponese. Ed ecco la prima differenza quindi: mentre Forza l’ho provato con controller, GT l’ho testato con volante, pedaliera e sedile da corsa. Un’altra sensazione ovviamente.

Lo stand Sony era molto bello ma, purtroppo, non altrettanto organizzato

L’ho provato subito dopo Forza e questo non è un caso: volevo tenere ben a mente le sensazioni provate giocando al titolo di Microsoft per confrontarle direttamente con il titolo di Sony.

Mi siedo finalmente sul fantastico sedile racing portato in fiera da Sony, ascolto le istruzioni del ragazzo addetto, mi regolo il sedile, mi metto le fantastiche cuffie insonorizzate e mi addentro in un mondo parallelo. Per 5 minuti di gioco (questo il tempo dato, ahimè) non esisteva altro.

Le postazioni Sony

Seleziono la vettura, il circuito e poi la difficoltà (massima ovviamente, e ci mancherebbe altro con una postazione del genere). Parto e noto subito una cosa: la vettura non slitta, posso premere al massimo in uscita di curva e lei esce tranquilla, la si riprende facilmente anche se si finisce sull’erba… va bene che non stiamo parlando di un simulatore, ma in questa modalità se stacco al limite o accelero in uscita di curva mi aspetto ben altro.

Per il resto Gran Turismo Sport è un ottimo e divertente titolo ma ho paura che finisca per stancare troppo presto gli appassionati dei titoli di corse. Il confronto con Forza Motorsport, ahimè, è sempre più a favore del titolo di casa Microsoft che regala qualche emozione anche a quei giocatori che vorrebbero quel qualcosa in più.

Se poi guardiamo l’aspetto grafico, beh, in questo caso il Forza Motorsport 7 dà una pista a tutti gli altri, senza se e senza ma.

Di queste postazioni ce n’erano due e meritavano moltissimo

WRC 7

Cara Big Ben Interactive, spero tu ti sia fatta perdonare l’assenza di TT Isle of Man con un bel titolo dedicato al mondiale rally, che manca da ormai troppo tempo sul mercato. Questo è quello che ho pensato mentre attendevo che il bambino davanti a me finisse la sua prova speciale (una menzione a lui è doverosa, perché di bimbi così in gamba a giocare ad un titolo rallistico non si trovano tutti giorni).

Tocca a me, finalmente provo WRC 7! Non vedo l’ora, tanto che non scelgo nemmeno macchina e circuito ma mi accontento dei predefiniti. Le prove speciali sono lunghe, molto lunghe, come quelle reali. Se non si è pratici si rischia di passarci le giornate (e nottate).

Gioco a questi titoli dal mitico Colin McRae Rally 2003, per poi passare definitivamente a Richard Burns Rally e relative mod (come RSRBR o RBR-World), giocate esclusivamente con volante e pedaliera. Poi è arrivato Dirt Rally a riaprire le speranze in me in nuovi titoli rallistici appassionanti.

Lo sand dedicato a WRC 7. Poche postazioni e sessioni di gioco lunghissime per ogni giocatore hanno causato tempi di attesa molto elevati

Big Ben Interactive avrà saputo riaccendere la mia passione con WRC 7? No. Risposta semplice e diretta. Non mi è piaciuta la fisica, non mi è piaciuta la grafica, non mi è piaciuto proprio niente, se devo dirvi la verità. Ma mi riservo di provarlo, perché il nuovo controller PlayStation lo ritengo pessimo (quel grilletto posteriore nei giochi di guida è veramente allucinante) e quindi potrebbe aver falsato le mie sensazioni, anche se temo siano reali.

Insomma, se dallo stand Microsoft me ne sono andato con un (involontario) sorriso, da quello Sony ammetto di essermi divertito, ovvio, ma ho paura che sia stato grazie esclusivamente al fatto che ci fosse una tale postazione ad accogliermi.

Una delle postazioni più belle viste in fiera, con 3 schermi e molto altro

Ciao! Siamo alla ricerca di blogger per le sezioni “Inside”, “Tecnologia” e “Motori”.
Per saperne di più e contattarci clicca qui.
Commenti

I più letti del mese

To Top