Tecnologia

Trapelati i primi render di Moto X5, Moto G6 e Moto Z3 Play

Iniziano a trapelare le nuove indiscrezioni sui prossimi terminali della divisione Moto di Lenovo. Conservatori, al punto giusto. Saranno pronti per affrontare un 2018 che si prospetta agguerrito sotto il profilo dell’innovazione software?

Arrivano i primi leaks riguardanti i nuovi terminali di casa Lenovo, al terzo anno dall’acquisizione di Motorola che ha segnato il passaggio del comparto smartphone dell’azienda ai principi dell’espandibilità e modularità

FOTO DAL PROFILO TWITTER DI @SLASHLEAKS

Il terminale che sembrerebbe rompere con il passato è il Moto X5, dal render meno convincente. Lenovo sembrerebbe aver portato avanti la serie Moto X lanciata da motorola, e la quinta iterazione di questo terminale (non attesa) si aggiorna per il 2018 alle ultime tendenze di mercato. Difficile capire se ci sarà la piena compatibilità con i Moto Mod delle generazioni passate e soprattutto se e quando questo terminale arriverà veramente sul mercato.

Il nuovo Moto X5 parrebbe strizzare un occhio a Apple vista la parte superiore del display praticamente identica e la barra di navigazione sostituita presumibilmente da quelle gesture (come possiamo supporre analizzando la parte inferiore del display).

Il render proviene da un leak postato dall’affidabilissimo profilo twitter di @Slashleaks, anche se è difficile darlo al 100% come veritiero visto il logo motorola sulla parte bassa del display.

Dallo stesso leaker vediamo pubblicati anche il Moto G6, G6 Plus e il Moto Z3 Play che in piena linea con i modelli passati sarà sicuramente compatibili con tutti i vecchi Moto Mod visto che nelle prime slide trapelate ne vengono mostrati alcuni non ancora presentati.

Lo z3 Play garantirà un nuovo livello di esperienza utente grazie all’implementazione dell’intelligenza artificiale nel sistema e in particolare si fa già riferimento ad una “camera intelligente”.

Sarà dotato di un display da 6″ con cornici molto ridotte, ma sulla pianta dei terminali precedenti (che montavano pannelli da 5.5″).  Supporterà la rete 5G, sarà da vedere se sarà lui il primo terminale a portare questa tecnologia sul mercato.

Anche per questo terminale sembrerebbe scartato l’utilizzo di una navbar a favore di un sistema a gesture, ma grazie alla duttilità di Android 8.0 questo potrebbe semplicemente essere opzionale e la discrezione verrà lasciata all’utente.

Decisamente più conservatori il Moto G6 e G6 Plus che non vedono un grande lavoro sulle cornici (come era facile aspettarsi su terminali di questa fascia) e conservano oltre che la barra di navigazione anche un lettore di impronte frontale, che sugli altri modelli sembrerebbe sostituito da un sistema di sblocco facciale o da un sensore laterale (il che sarebbe una novità per i terminali di Lenovo).

Ci saremmo aspettati la compatibilità con le MotoMods anche di questi terminali ma per quest’anno pare che la fascia medio/bassa sarà tagliata fuori da questo tipo di espandibilità.

Non ci resta che aspettare la presentazione ufficiale per scoprire cosa Lenovo ci riserverà lato software nell’anno che sembrerebbe dedicato all’innovazione sotto il profilo dell’apprendimento intelligente degli assistenti su smartphone.

Ciao! Siamo alla ricerca di blogger per le sezioni “Inside”, “Tecnologia” e “Motori”.
Per saperne di più e contattarci clicca qui.
Commenti

I più letti del mese

To Top