Cooler

Stockisti oscurato: Blitz della polizia, presunta evasione per 50 milioni

glistockisti 2

Gli Stockisti sono stati oscurati e sono sotto indagine per una presunta evasione pari a 50 milioni di euro su giro d’affari di 250 milioni

Credit: YouTube/Google Immagini
3 minuti

Secondo alcuni voci era nell’aria da qualche tempo, però noi stessi ammettiamo che abbiamo fatto fatica a crederci una volta letta la notizia. Il famoso sito Stockisti, celebre nel web proprio per avere prezzi bassi su prodotti elettronici come smartphone e TV, è stato oggi oscurato dalla Polizia di Stato e dall’Ufficio delle Dogane di Roma.

Il motivo è sempre quello, noto a molti acquirenti del web dato che questo non è certo il primo caso. Si tratta di reato per associazione a delinquere con il fine di evasione fiscale.

Segui Stintup anche su Facebook per supportare il nostro lavoro e non perderti nemmeno una notizia. Sulla nostra pagina Facebook arriveranno notizie in anteprima, Instant Articles esclusivi, video esclusivi, dirette e molto altro!

Il caso sta facendo il giro del web e non solo, dato che il sito web era uno dei più famosi e-commerce in Italia. Basti pensare che secondo le prime stime l’evasione fiscale si aggirerebbe attorno ai 50 milioni di Euro.

Il Compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni per il Lazio e l’Ufficio delle Dogane di Roma 2 della Direzione Interregionale per il Lazio e l’Abruzzo stanno svolgendo delle indagini atte a contrastare la presunta evasione fiscale, con particolare riferimento alle attività commerciali che si svolgono nel web. Gli Stockisti sono solo uno dei tanti pesci che navigano nel mare degli e-commerce a svolgere tali pratiche, almeno secondo quanto riferito dalla Polizia, ma è anche quello più grosso.

Gli Stockisti riuscivano a vendere smartphone e altri prodotti elettronici a prezzi decisamente più bassi rispetto alla concorrenza dei negozi fisici e non solo grazie a questa presunta evasione dell’Iva. Il 22% quindi invece di essere versato nelle casse dello Stato Italiano veniva dedotto dal prodotto che in effetti risultava più economico di circa il 20% rispetto agli altri negozi, virtuali e non.

Gli Stockisti agiscono in modo particolare: la società madre è sempre stata maltese (da ormai cinque anni) mentre la società concessionaria per l’Italia veniva rinominata ogni anno in modo da rendere più difficili le verifiche dell’Amministrazione fiscale italiana. Mosse che i più attenti (ma non solo) avranno notato nel corso degli ultimi anni.

Ma non è finita qui. Oltre a queste indagini sono state fatte anche delle intercettazioni che hanno consentito di individuare tre commercialisti ed un collaboratore fiscale che hanno, ovviamente, consentito e contribuito a questo operazione di evasione del fisco italiano.

Gli Stockisti, come detto in apertura, rappresenta una grossa realtà del panorama italiano dell’e-commerce. Si parla, pensate, di un giro d’affari pari a 250 milioni di Euro e 50 milioni di Euro di evasione.

In queste ore la Polizia Postale ha oscurato il sito web, sia Stockisti sia Console Planet, che a quanto pare fanno parte della stessa società.

I particolari dell’operazione e le ulteriori misure intraprese saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà a Roma, alle ore 11.00, presso la sede del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazione del Lazio.

La Polizia di Stato e l’Ufficio delle Dogane di Roma hanno eseguito 10 delle 18 misure cautelari in carcere (8 risultano in questo momento latitanti), per i reati di associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale da parte di un’azienda specializzata nella vendita di prodotti tecnologici nel settore dell’E-commerce.

Fisco: scoperta evasione azienda E-Commerce per 50 mln (AGI) – Roma, 6 lug. – La Polizia di Stato e l’Ufficio delle Dogane di Roma stanno eseguendo diverse misure cautelari per i reati di associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale da parte di un’azienda specializzata nella vendita di prodotti tecnologici nel settore dell’E-commerce.

Evasione fiscale: arresti a Roma in societa’ di e-commerce (AGI) – Roma, 6 lug. – La Polizia di Stato e l’Ufficio delle Dogane di Roma stanno eseguendo diverse misure cautelari per i reati di associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale da parte di un’azienda specializzata nella vendita di prodotti tecnologici nel settore dell’E-commerce.

AGI

L’Assistenza comunque, almeno per ora, risponde ancora. Speriamo in bene per tutti i clienti.

Via

Ciao! Siamo alla ricerca di blogger per le sezioni “Inside”, “Tecnologia” e “Motori”.
Per saperne di più e contattarci clicca qui.
Commenti

I più letti del mese

To Top