Portogallo

Porto (Oporto) in 50mm | Diario fotografico di un viaggio in Portogallo

Un viaggio fotografico attraverso il Portogallo, con questa prima parte dedicata alla città di Porto (o Oporto come la chiamiamo in Italia)

Photo: Francesco Pistore, Stintup
11 minuti

Sono passati ormai più di cinque anni da quel 26 luglio 2012, data in cui ho pubblicato il primo diario di viaggio su questo sito. Ne son passati di viaggi nel frattempo, molto dei quali mai raccontati su questi lidi ma… chissà. Nel frattempo vorrei riprendere quelle buoni abitudini e portarmi avanti, partendo proprio dall’ultimo viaggio effettuato. Quello in Portogallo.

Abbiamo visitato Porto e Lisbona ma non abbiamo di certo snobbato i dintorni, anzi. Un Paese, il Portogallo, che ci ha lasciati incantati per le sue bellezze ma ci ha anche fatto molto riflettere, per varie cose. Una cosa è certa: c’è chi preferisce la “calda” Porto (non per il clima bensì per la gentilezza dei suoi abitanti), chi invece ama di più la “fredda” Lisbona (lo stesso vale anche per lei, sembra quasi che la questione sia inversamente proporzionale rispetto al clima delle due città), ma alla fine ognuno tornerà da questo Paese con un grande dispiacere, perché in un modo o nell’altro si finisce per amarlo.

Segui Stintup Travel anche su Facebook per supportare il nostro lavoro e non perderti nemmeno una notizia. Sulla nostra pagina Facebook arriveranno notizie in anteprima, Instant Articles esclusivi, video esclusivi, dirette e molto altro!

Saranno quei colori, sarà quell’atmosfera, quel clima che tanto ho invidiato (dovete capire però che abito in Pianura Padana, nella culla dell’umidità e delle zanzare) o semplicemente i suoi abitanti, semplici ma sempre disponibili con tutti.

Durante questo viaggio ho avuto la possibilità (grazie alla gentile concessione di mia mamma, va detto) di provare il nuovo (per me) obiettivo Nikkor 50mm f/1.8. La macchina usata è sempre la stessa, ossia la mitica Nikon D90, compagna di tante avventure in giro per l’Europa.

A mio avviso con questo obiettivo si riesce a dare tutt’altro significato agli scatti. Ma questo sta a voi dirlo, ora vi lascio alle foto e al racconto di viaggio.

Vi ricordo che potete trovare tutti i nostri raconti di viaggio a questo indirizzo: stintup.com/viaggi

N.B. Essendo un diario fotografico NON tutte le foto sono state scattate con il 50mm, ma alcune anche con il 18-105, mentre altre con l’iPhone. Queste ovviamente sono in netta minoranza, ma sono state inserite per colmare buchi e lacune e completare quindi il diario con un filo logico.

N.B.2. Porto è il nome della città, Oporto è il nome della città in italiano. Sembra che questo sia stato causato dal fatto che gli abitanti chiamino la città “O Porto” che starebbe per “il Porto” ed erroneamente noi italiani abbiamo pensato si chiamasse così.

Porto (Oporto) in 50mm | Diario fotografico

Partiamo la sera tardi da Treviso direzione Barcellona, dove passeremo la prima notte. Colgo l’occasione per assicurare quei (pochi) matti che dormono in aeroporto come noi. A Barcellona se arrivate tardi la sera e avete un aereo la mattina seguente, sappiate che si dorme e anche bene, almeno al Terminal 2. Vi consiglio tuttavia di non uscire in modo da non dover rifare i controlli. Sia perché le procedure sono lunghe sia perché le poltrone comode e l’aerea “tranquilla” sono dopo i controlli.

Alba dall’aeroporto di Barcellona, Terminal 2

La mattina prendiamo il secondo volo che ci porterà a Porto. Una volta arrivati a Porto c’è la comoda ed economica metro collegata direttamente al centro della città.

L’accoglienza è subito speciale. La proprietaria dell’appartamento ci offre acqua fresca in bottiglia, dell’ottimo vino Porto, un grappolo d’uva nera e due pastel de nata (o pastel de Belém, è uguale). Ci riempie poi di utili informazioni riguardo i posti da visitare, dove e cosa mangiare e non solo.

L’accoglienza di Porto

La cosa che mi colpisce di più è quella riguardante la sicurezza. Ci assicura infatti che la città è molto sicura, che è possibile girarla anche di notte, orario in cui è meno affollata e più bella. Infine ci delizia con un consiglio da “locals” che non posso esimermi dal “passarlo” anche a voi lettori. Non focalizzatevi sui soliti monumenti o attrazioni turistiche. Piuttosto perdetevi in questa città meravigliosa, scopritene ogni angolo, camminate (tanto, visto che i mezzi per girare il centro non sono il massimo) e quando siete stanchi chiamate un taxi o ancor meglio Uber (molto economico) per andare al ristorante o tornare a casa.

Una delle cose che mi son rimaste più impresse di Porto sono sicuramente i suoi edifici fatiscenti

Una delle foto preferite di Greta

Le mattonelle, ecco una cosa tipica di Porto

Porto

In questo parco durante il giorno troverete decine di pensionati seduti intorno a vari a tavolini a giocare a carte

Ancora mattonelle

Una strada di Porto

Una caratteristica via di Porto

Il caratteristico tram

La chiesa di Santo Ildefonso

Porto

Veduta di Porto

Un classico

Architettura del centro

Sia a Porto che a Lisbona troverete moltissimo “Tuk Tuk”, per la maggior parte elettrici, che vi fanno fare il tour della città

Il panino che vedete davanti a voi è un grande classico. Qui la porchetta la tagliano appena fatta e ancora calda proprio davanti a voi. Il panino con formaggio molle e porchetta (che vedete in foto) è fantastico. Forse il formaggio, che qui è rigorosamente di capra, copre un po’ troppo il sapore della porchetta, ma qui dipende dal vostro palato. Totale panino, patatine e birra: 8€.

Il posto dove ho mangiato il panino è questo qui:

E questi sono dei simpatici signori che mangiavano, bevevano, suonavano e cantavano. Sempre a Casa Guedes

Un consiglio: se siete a casa e non avete voglia du uscire a mangiare né di mettervi a cucinare, potete provare noMENU. E’ simile al nostro Just Eat.

Ponte do Infante. Da qui si gode di una vista stupenda al tramonto verso il Ponte Dom Luìs I

Alcune abitazioni di Porto

Ponte Dom Luìs I

Mosteiro da Serra do Pilar

Ponte Dom Luìs I

Una stradina di Porto

Una stradina di Porto, che parte dal Ponte do Infante e arriva al Ponte Dom Luìs I

Ponte Dom Luìs I

Ponte Dom Luìs I

Ponte Dom Luìs I

Ponte Dom Luìs I

Verso il Ponte Dom Luìs I

La Ribeira

Spaghetti, pomodorini e gamberoni.

Vista dal nostro appartamento

Ancora mattonelle

Una delle vie principali del centro di Porto

Interno del Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

C’è un posto che mi sento di consigliarvi all’interno del Mercado do Bolhão. Si chiama Cafetaria Pintainho ed è un caratteristico locale dove si serve pesce alla griglia o fritto. Prezzi economici e prodotti freschi meritano assolutamente una fermata. Attenzione però a non far tardi. Il Mercado do Bolhão infatti chiude dopo pranzo. Vi consiglio di arrivare qui per le 12 (locali ovviamente).

Cafetaria Pintainho

Tonno alla griglia (in primo piano) e frittura mista alla Cafetaria Pintainho

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Mercado do Bolhão

Porto

Porto

Porto, una vecchia camionetta dei vigili del fuoco

Porto

Porto

Porto

Porto

Porto, fuori dalla stazione dei treni

Porto, stazione dei treni

Porto, uno dei tanti “mosaici” nella stazione dei treni

Porto, stazione dei treni

Porto, stazione dei treni

Porto, stazione dei treni con i molti “mosaici” all’interno

Porto

Veduta di Porto

Porto dall’alto

Porto dall’alto

Porto dall’alto con il 18mm

Porto dall’alto con il 105mm

Porto dall’alto con il 105mm

Porto

Un luogo diventato, specie di recente, iconico di Porto è sicuramente la Livraria Lello & Irmão. Costruita nel 1869 dall’architetto Francisco Xavier Esteves, il nome originario era Livraria Internacional de Ernesto Chardron. In seguito la libreria cambiò proprietario, passando ai fratelli Lello, e fu inaugurata il 13 gennaio 1906 con il nome attuale. Recentemente la libreria ha un flusso di visitatori pari a 5000 giornalieri. Il motivo non è solo la storicità e unicità di questa libreria. JK Rowling, autrice della saga di Harry Potter, era solita frequentare la libreria quando viveva e insegnava inglese nella cittadina portoghese, negli anni ’90. Si crede quindi che si sia ispirata alla Livraria Lello sia per le scale della famosa scuola di magia di Hogwarts sia per la libreria in Diagon Alley. Da un po’ di tempo, anche a causa dei numerosi visitatori, si paga un biglietto di ingresso pari a 4€, che può essere tuttavia convertito in sconto sul libro acquistato.

Livraria Lello & Irmão, esterno

Livraria Lello & Irmão, interno

Mentre camminate per le stradine di Porto vi consiglio di fare un salto da Mercearia das Flores per assaggiare i Pastel de Nata.

Porto

Porto

Dolci

Ponte Dom Luís I

Ponte Dom Luís I

Una delle imbarcazioni che veniva utilizzata per il trasporto delle botti (tappa parte opposta della Ribeira infatti c’erano e ci sono le cantine del Porto). Oggi vengono utilizzati a fini turistici

Ponte Dom Luís I, la metro che passa sopra

La Ribeira dall’alto

La terrazza dove i cittadini di Porto vengono a gustarsi il tramonto

Ponte Dom Luís I

Ponte Dom Luís I

Ponte Dom Luís I

Ponte Dom Luís I al tramonto

La vista dalla terrazza al tramonto

Tramonto sulla città di Porto

Sopra il Ponte Dom Luís I

Tramonto

Ultima mattina, vista dal terrazzo della nostra camera

In partenza verso Lisbona

Spero che questo viaggio o diario fotografico sia stato di vostro gradimento. Prossimamente, sempre su questi schermi, arriverà anche la seconda parte dedicata invece a Lisbona. Stay Tuned!

Ciao! Siamo alla ricerca di blogger per le sezioni “Inside”, “Tecnologia” e “Motori”.
Per saperne di più e contattarci clicca qui.
Porto (Oporto) in 50mm | Diario fotografico di un viaggio in Portogallo
Commenti

I più letti del mese

To Top