Inside

Incendi nel mondo: Amazzonia, Siberia, Groenlandia e Canarie a fuoco

Gli incendi nel mondo stanno calpendo l’Amazzonia, la Siberia, la Groenlandia e le Canarie, tutti in questo periodo. Cosa sta succedendo?

Questo preciso momento storico rimarrà sicuramente nei libri di storia visto che stiamo assistendo ad un evento, fortunatamente, più unico che raro. Gli incendi nel mondo stanno colpendo l’Amazzonia, la Siberia, la Groenlandia e le Isole Canarie.

L’incendio che ha fatto più parlare di sé è sicuramente quello avvenuto in Luglio in Siberia. Sta invece facendo il giro del mondo proprio in queste ore l’incendio in corso in Amazzonia.

Potrebbe interessarti: Record temperatura Estate 2019: giugno 2019 il più caldo di sempre

Incendi in Siberia e nell’Artico

Le regioni di Irkutsk e di Krasnojarsk, le province della Repubblica di Buriazia e cinque provincie della Jacuzia sono i territori più colpiti, tanto da dover annunciare lo stato di emergenza.

2,9 milioni di ettari e più di 800 centri abitati invasi dal fumo. 2,8 mila persone, 390 mezzi e 28 velivoli impiegati per arginare la situazione.

Le cause, secondo il ministero delle emergenze russo, sarebbero da ricercarsi in un inusuale clima secco assieme all’inadeguatezza delle misure intraprese per spegnere e arginare i primi focolai.1

4,3 milioni di ettari sono andati distrutti, tutti nella Taiga (foresta boreale) e contando i soli incendi di questa estate, nella sola Siberia.

Gli incendi in Siberia visti dal satellite (da notare il fumo grigio nella parte alta a destra dell’immagine) | Photograph: Nasa Earth Observatory/EPA

Incendi in Amazzonia

In Amazzonia la situazione è sempre più fuori controllo ma in questo caso la natura non centra nulla. Le cause sembrerebbero essere ridotte ad una sola: l’uomo.

Il motivo? La deforestazione. L’umidità in queste regioni equatoriali rende infatti quasi impossibile lo sviluppo di roghi spontanei. Così allevatori e coltivatori sfruttano la stagione secca dando fuoco agli alberi per poter far spazio a pascoli e appezzamenti agricoli.3

In poche parole bruciando la legna si utilizzano dopo le ceneri per fertilizzare il suolo. Peccato che in questa stagione sia vietata questa pratica, proprio per l’alto rischio di incendi.

Nel 2019 in tutto il Brasile ci sono stati 76.720 incendi, vale a dire l’84% in più rispetto allo scorso anno, nonché il massimo dal 2013.3

Oltre la metà di questi nella foresta pluviale. Nonostante siano in aumento rispetto alle passate stagioni, non si tratta comunque di record.

Bolsonaro, attuale presidente del Brasile, non può certo ritenersi non responsabile di tutto ciò. Incoraggiando lo sfruttamento industriale e minerario della foresta amazzonica ha infatti incoraggiato le pratiche di deforestazione.

Incendi in Mato Grosso, Brasile

Incendi in Groenlandia

La situazione in Groenlandia ha dell’incredibile. “Per la prima volta in assoluto, incendi a 150 km dal circolo polare artico”.7

La causa però, anche in questo caso, sembrerebbe essere l’uomo. Un escursionista in particolare.

Fatto sta che 1.250 ettari, a soli 50 km dal fronte di un ghiacciaio, sono andati letteralmente in fumo.

Photo: Pierre Markuse/European Space Agency

Incendi nelle Isole Canarie

L’isola di Gran Canaria non sta passando delle ore felici. Sono oltre 9 mila le persone evacuate a causa di un incendio che ha distrutto 6 Milla ettari di territorio.

Il fronte principale dell’incendio è all’interno di un’area dichiarata Riserva della Biosfera dall’Unesco, nel parco naturale di Tamadaba.

Conseguenze degli incendi nel mondo

Gli incendi in Russia, Alaska, Groenlandia e Canada hanno rilasciato 50 milioni di tonnellate di CO2 in giugno e 79 milioni di tonnellate in luglio.2

Carly Phillips della UCS (Union of Concerned Scientists) ha dichiarato che le emissioni di CO2 da questi incendi potrebbe esasperare il riscaldamento globale per i decenni a venire.2

Il riscaldamento globale è causa e conseguenza

“Gli ecosistemi dell’Alaska contengono grandi quantità di CO2 nel permafrost, accumulati in millenni. Questi incendi destabilizzano queste “scorte” di CO2 accelerando lo scioglimento del permafrost, rilasciando questi gas nell’atmosfera” ha dichiarato la Phillips.

Dunque il riscaldamento globale è sia una causa (territori più caldi e più secchi, quindi incendi facilitati dal clima) sia una conseguenza (gli incendi aumentano la temperatura terrestre rilasciando CO2 e rendendo aridi i territori).

E’ record di incendi nel mondo?

Ne parlano tutti, quindi ci si aspetterebbe che il numero di incendi sia a livelli record nel mondo, o quasi.

Tuttavia, sebbene sia difficile tracciare questi fenomeni, anche con l’utilizzo del satellite, una ricerca della Nasa mette in evidenza la reale situazione.

Oltre 2 milioni e 910 mila “allerte incendio” nel 2019. Quasi 100 mila in meno nel 2018 (prendendo ovviamente come riferimento lo stesso periodo); circa 200 mila in meno nel 2017.4

Dunque il trend in crescita è presente, almeno guardando gli ultimi anni. Se però si va ancora indietro nel tempo, si può vedere che nel 2015 e nel 2016 le allerte sono state circa 3 milioni.

Attenzione però a sottovalutare questo aspetto. Perché quel che preoccupa di più non sono il numero di incendi a livello mondiale, bensì quelli presenti in alcune aree del globo, per altro molto importanti e sensibili.

Ne è l’esempio il Circolo polare artico che ha mostrato un incremento non da poco, restando in questo 2019 perennemente sopra la media 2003-2018.5

Lo stesso vale per l’Amazzonia (in Brasile), che ha registrato un incremento dell’84% rispetto allo scorso anno per quanto riguarda il numero di incendi e un +40% di superficie andata a fuoco in agosto.6

Da sottolineare, però, che “solo” il 60% della foresta amazzonica è in Brasile.

Nessun record mondiale, ma una preoccupante escalation in alcune aree importanti e sensibili del mondo

Fonti: 1Sputnik2TheGuardian3Focus4NASA5Mark Parrington6ScienceAlert7Giuseppe Onufrio

Offerte ancora attive:
 11€ gratis attivando Revolut* 
 Buoni Amazon gratis: come ottenerli 
 Amazon Prime Student: 90 giorni gratis 

*Attiva Revolut e caricala con bonifico o carta, Richiedi la carta fisica, Effettua un primo pagamento con la carta.

Incendi nel mondo: Amazzonia, Siberia, Groenlandia e Canarie a fuoco
Commenti
To Top