Inside

In test il disinfettante che elimina il coronavirus dalle superfici per giorni

disinfettante coronavirus

L’Università Ca’ Foscari e Delphinus Biotech stanno sviluppando un disinfettante che elimina il coronavirus dalle superfici per diversi giorni.

Immagine puramente indicativa

L’Università Ca’ Foscari Venezia sta collaborando con la start-up italiana Delphinus Biotech per nella ricerca e sviluppo di un disinfettante in grado di eliminare batteri e virus (coronavirus compresi).

Se già altri disinfettanti sono in grado di eliminare virus e batteri, la novità di questa ricerca sta nel fatto che questo disinfettante ha la capacità di mantenere sulle superfici una protezione attiva per diversi giorni.

La ricerca si basa su una molecola antivirale di origine vegetale. Questa molecola, a lunga resistenza e non tossica per l’uomo, è stata sviluppata da Delphinus Biotech negli ultimi otto mesi.

Sviluppata per un utilizzo primario in campo agricolo, potrebbe ora rilevarsi molto utile per la lotta al coronavirus in tutto il mondo.

La collaborazione con l’Università Ca’ Foscari Venezia (gruppo di ricerca in biotecnologie guidato dal professor Alessandro Angelini) è essenziale per la produzione delle molecole da utilizzare nei successivi test con il virus SARS-CoV-2.

Il laboratorio universitario ha infatti tutta la strumentazione necessaria per produrre la molecola a partire da due frammenti di DNA di origine vegetale.

Speriamo che il test continui e che vada a buon fine, visto anche che l’AD della start-up ha già dichiarato che l’azienda “concederà al governo italiano la licenza di produzione fino alla fine dell’emergenza sanitaria nazionale“.

team in laboratorio bellerofast
Il team all’arrivo al laboratorio: da sinistra Alessandro Paparella – CSO Chief Scientific Officer Delphinus BioTech, Enrico Fiore – CAO – Chief Advisor Officer Delphinus BioTech, Pietro Riello – Direttore del Dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi (Ca’ Foscari), Marco Cappellaro – CEO – Chief Executive Officer Delphinus Biotech, Matteo Trande – Ricercatore di Ca’ Foscari, Flavio Rizzolio – professore di Biologia Molecolare Ca’ Foscari, Michele Gallo – Tecnico del Laboratorio di Biologia Molecolare, Alessandro Angelini professore di Biochimica a Ca’ Foscari.

Il disinfettante contro il coronavirus: i commenti dei diretti interessati

L’obiettivo comune di affrontare il virus con la ricerca scientifica e l’innovazione ci ha permesso, nel giro di poche ore dalla richiesta dell’azienda, di arrivare alla firma della convenzione e i biologi sono già in laboratorio a lavorare.Pietro Riello, direttore del Dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi di Ca’ Foscari
La molecola, chiamata Bellerofast, non evapora come avviene per i comuni disinfettanti basati su alcol o cloro. L’obiettivo è creare una trappola biologica che isoli il virus e ne distrugga la membrana esterna. Le nostre simulazioni ci dicono che il sistema funziona. Nel giro di qualche giorno saremo in grado di testare Bellerofast sul virus vero e proprio in laboratori specializzati a Padova e Trieste, per poi avviare la produzione.Alessandro Paparella, biologo della Delphinus Biotech
Delphinus Biotech intende essere parte attiva nella lotta contro il coronavirus, pertanto, in caso di successo dei test, concederà al governo italiano la licenza di produzione fino alla fine dell’emergenza sanitaria nazionale.Marco Cappellaro, amministratore delegato Delphinus Biotech

Fonte: Università Ca’ Foscari

Commenti

I più letti del mese

To Top