Applicazioni & Software

Dashlane: il miglior password manager? Intervista al MWC e la nostra prova

Cosa differenzia Dashlane dagli altri password manager e perché dovremo sceglierlo? Ce lo spiega Ryan Merchant

5 minuti
Ryan Merchant - Photo Credit: ideatoappster.com

Ryan Merchant – Photo Credit: ideatoappster.com

Al Mobile World Congress ho avuto il piacere di parlare con Ryan Merchant, Senior Marketing Manager di Dashlane, azienda leader nel settore dei password manager. Di prodotti come questo, lo sapete bene, ce ne sono davvero moltissimi. Allora perché dovremo scegliere Dashlane al posto delle moltissime altre alternative? L’ho chiesto direttamente a Ryan durante la fiera in quel di Barcellona.

D: Qual è la differenza con gli altri password manager, in particolare con i più usati (1Password e LastPass) e perché una persona dovrebbe usare Dashlane?

Segui Stintup anche su Facebook per supportare il nostro lavoro e non perderti nemmeno una notizia. Sulla nostra pagina Facebook arriveranno notizie in anteprima, Instant Articles esclusivi, video esclusivi, dirette e molto altro!

R: La prima differenza con i citati “concorrenti” è che noi di Dashlane abbiamo creato una UX (esperienza utente) UI (interfaccia utente) simile per ogni dispositivo (se non quasi uguale, ndr): Android, iOS, PC e Mac. Al CES una signora di 90 anni ha dichiarato che l’app è semplicissima da usare e questa è la differenza più importante, secondo me, con i nostri competitor. Molti giornalisti hanno avuto le stesse sensazioni: varie testate importanti (The New York Times, The Wall Street Journal, USA Today, PCMag) ci hanno recensito come i “migliori del settore”. Abbiamo inoltre fatto un questionario (in carta bianca, anonimo, senza dichiarare di quale azienda eravamo), due anni fa, dove abbiamo chiesto a varie persone di scegliere il miglior prodotto secondo sette criteri: predizione, “auto-fill”, password generation e velocità in generale. Combinando i risultati siamo giunti ad una conclusione: secondo gli intervistati Dashlane ha una grafica migliore degli altri competitor e funziona meglio, è più veloce.

D: Qual è il prezzo del servizio?

R: Circa 40€ all’anno (40$ annuali). A questo prezzo avrete tutte le funzionalità Premium: sincronizzazioni illimitate per illimitati dispositivi. Se invece vi accontenterete di utilizzarlo per un solo dispositivo avrete il programma gratuitamente!

D: E’ disponibile in tutto il mondo o solo per paesi specifici?

R: E’ disponibile per tutto il mondo, inoltre Dashlane è disponibile in tre lingue (sfortunatamente l’italiano non è una di queste): francese, spagnolo e inglese. Tuttavia stiamo lavorando per portare il servizio a pieno regime in ogni paese, quindi contiamo di tradurlo in ulteriori lingue per il futuro (sfortunatamente non si sa ancora niente per quanto riguarda l’italiano, ndr).


Così alla fine ho deciso di provarla, avendo tra l’altro una prova Premium di qualche mese. Ok, interfaccia bella, veloce, istantaneo…tutto bello, ma poi? La installo sui miei dispositivi primari: Mac e Note 4 (per Windows non l’ho ancora provata, lo farò più avanti). Basta inserire una mail sul sito web, inserire i dati di pagamento se si vuole la versione Premium (aspettate e provate la versione free prima!) e scaricare l’app desktop. In pochi secondi la installo, creo un nuovo account utilizzando la mail inserita nel sito precedentemente e scelgo una password master bella “potente”.

Screenshot_2015-03-08-00-33-57

Applicazione per Android e impostazioni di sicurezza: da notare la possibilità di non consentire gli screenshot (che funziona davvero bene)

Con un click importo tutte le mie password che avevo su LastPass. Ecco, però, sebbene questa funzione vada alla grande, mi ha fatto storcere il naso non poco il fatto che i servizi supportati (per quanto riguarda l’import) sono davvero pochi: Keychain (Safari & Chrome), Firefox, 1Password, KeyPass, LastPass, PasswordWallet e RoboForm. Insomma ne mancano davvero parecchi, sebbene i principali e più usati ci siano tutti. Resta comunque indietro ai servizi di import offerti da LastPass e SafeInCloud (quello che era il mio preferito).

Dashlane_11

Import Service: funziona molto bene, ma i servizi supportati sono pochi

Già, avete letto bene. Tra parentesi, quassù, ho scritto che SafeInCloud era il mio preferito. E fino a pochi giorni fa ci volevo scrivere un articolo. Chiariamoci, è un ottimo servizio, ma se provate Dashlane non ne potrete fare più a meno. Fortunatamente le password ce le avevo anche su LastPass, dunque in pochi secondi le ho trasferite su Dashlane. L’unica differenza è che SafeInCloud fa pagare la sua app mobile (una tantum). C’è da dire però che una volta effettuato l’acquisto abbiamo un sync perfetto per sempre (le app desktop sono gratis). Eppure i limiti sono molti, come lo sono in LastPass (1Password non lo considero, dato che non amo affatto l’app per Android e nemmeno la gestione del “fill in”). SafeInCloud e LastPass hanno infatti vari problemi: il primo ha una gestione del “fill-in” a dir quanto scandalosa: il campo password e log-in sarà vuoto finché non andremo a cliccare sull’icona dell’estensione del browser e decideremo di inserire i campi, insomma troppo macchinoso. LastPass ha invece quella specie di app mobile che fa anche da browser e che io non amo molto. Altro tallone d’Achille per SafeInCloud è il bisogno di inserire la password ad ogni accesso al pc o dispositivo o dopo un’ora (tempo max) di inattività. Inoltre l’accesso va fatto per ogni dispositivo (e su desktop per ogni browser, troppo, troppo dispendioso).

Telefonino_net_-_Il_Sito_Italiano_di_Informazione_sulla_Telefonia

Fill-in sui campi User e Password: eccellente e identico su ogni dispositivo

Dashlane ha invece delle chicche eccezionali: a parte la possibilità di poter attivare l’auto-login che per me è stata una manna dal cielo (non serve cliccare login, fa tutto lui), la grafica curiosissima per ogni app, le estensioni per Chrome e Safari (e Firefox) fatte in modo eccezionale, c’è anche quel famoso “fill-in” nei campi che a noi interessa tanto. Oltre all’auto-login infatti, ci basterà un click sul campo per decidere cosa fare; per ogni dispositivo è così. Ottima anche la gestione del “portafoglio” (Wallet) per tutte le nostre carte di credito e la funzione che ci tiene sotto controllo tutte le nostre app, indicandoci quando è ora di cambiarle e quelle che sono poco sicure/obsolete.

Insomma, un password manager che vi consiglio assolutamente di provare. Al secondo posto, in alternativa, mi permetto di consigliarvi SafeInCloud, ma non è, a mio avviso, minimamente paragonabile all’ottimo Dashlane.

Voto 10 per quest’app che vi risolverà la vita senza nemmeno accorgervene.

Dashlane_1

Centro di controllo: qui abbiamo una visione generale di tutte le nostre password

Ciao! Siamo alla ricerca di blogger per le sezioni “Inside”, “Tecnologia” e “Motori”.
Per saperne di più e contattarci clicca qui.
Basta un LIKE su Facebook per supportare Stintup.
Siamo anche su TelegramInstagram, Periscope e YouTube.
Commenti

I più letti del mese

To Top