Inside

Coronavirus situazione: aziende e negozi chiusi, eventi e voli cancellati

La situazione in Cina per il coronavirus: Samsung, Foxconn, Toyota, Ikea e Starbucks sospesi, British, Lufthansa e American fermano i voli.

La Cina è sempre in fase di allerta massima per il coronavirus, con il bilancio ufficiale che sale a 132 morti e 5.974 contagiati, la situazione è molto delicata e le aziende cercano di correre ai ripari per prevenire.

Il problema principale deriva dal fatto che il virus virus 2019-nCoV, anche detto coronavirus, si trasmetta in modo facilissimo da uomo a uomo, quindi riunire grandi quantità di persone in uno stesso luogo sarebbe l’ideale per un virus come questo.

La situazione del coronavirus ha chiaramente avuto ripercussioni pesanti anche in ambito finanziario, con la Borsa di Hong Kong che ha riaperto dopo la pausa del Capodanno Lunare perdendo quasi 3 punti percentuali.

Sono rimaste chiuse invece le Borse di Shanghai e Shenzhen dopo la proroga dei festeggiamenti voluta dal governo.

A Shanghai addirittura sono sospese tutte le “attività business” fino al 9 febbraio.

Potrebbe interessarti: le aziende che lavorano al vaccino per il coronavirus volano in Borsa.

Aggiornamento febbraio 2020:

  • Huawei ha riaperto le fabbriche ma i controlli e le misure di sicurezza saranno ai massimi livelli.
  • Baidu invece opta per un ritorno all’apertura graduale.
  • Tencent, Alibaba e DJI optano invece per lo smart working, ossia il lavoro da casa, sino a nuove comunicazioni.
  • Microsoft continuerà a tenere chiusi gli uffici almeno fino a metà mese.
  • General Motors si comporta allo stesso modo, tenendo chiusi gli impianti fino al 15 febbraio.
  • Toyota fa slittare anche lei la riapertura di almeno un’altra settimana, andando oltre metà mese.
  • Apple potrebbe subire pesanti ritardi nella produzione di iPhone a causa della chiusura delle fabbriche  Foxconn e Pegatron. Inoltre gli Apple Store resteranno chiusi almeno per i primi 10 giorni di febbraio.
  • Tesla invece può tornare a sorridere visto che la Gigafactory 3 in Cina riapre dopo lo stop durato quasi 2 settimane.

Sospese conferenze, tornei ed eventi

Huawei ha sospeso un’importante conferenza di sviluppatori, la HDC.Cloud 2020, che nonostante fosse a debita distanza dalla città fulcro del virus (Wuhan), ha preferito comunque evitare rischi.

Arriva anche la notizia della sospensione di tornei, come quello di League of Legends.

Colpito anche il mondo dello sport: le prove di Coppa del mondo di sci previste a febbraio sono state cancellate, mentre la squadra della nazionale di calcio femminile cinese è stata messa in quarantena in Australia (era stata a Wuhan poco prima).

Photo: Riot Games

Aziende e negozi chiusi

Xiaomi ha già fatto sapere di aver chiuso diversi negozi fisici e le presentazioni e inaugurazioni dei nuovi negozi saranno trasmessi esclusivamente in streaming per evitare ogni contatto tra persone.

Apple non ha ancora adottato ufficialmente misure cautelari, tuttavia potrebbe avere qualche impatto la chiusura di Foxconn, principale produttore di iPhone.

Lo stesso dicasi per Samsung, che si serve anch’essa di Foxconn per la produzione dei propri smartphone. La chiusura delle fabbriche potrebbe avvenire per una o più settimane.

Fa notizia ovviamente anche la chiusura dei negozi delle grandi catene, come Ikea, McDonald’s e Starbucks che chiudono metà dei negozi.

Toyota ha deciso di interrompere la produzione fino al 9 febbraio:

Considerati vari fattori, tra cui le linee guida dei governi locali e regionali e la situazione della fornitura di componenti, a partire dal 29 gennaio, abbiamo deciso di interrompere le operazioni nei nostri stabilimenti in Cina fino al 9 febbraio.Maki Niimi, portavoce Toyota

Voli cancellati

British Airways ha invece sospeso tutti i voli da e verso la Cina fino al 31 gennaio.

Lufthansa ha seguito a ruota, sospendendoli fino al 9 febbraio.

La stessa decisione è stata presa da Finnair.

American Airlines ha sospeso i voli tra Los Angeles, Pechino e Shanghai dal 9 febbraio al 27 marzo, ma continuerà a volare da Dallas.

La Casa Bianca potrebbe addirittura arrivare alla sospensione di tutti i voli da e per la Cina.

Mappe e grafici della situazione del coronavirus

Altre notizie del genere su: Stintup.com/Inside.

Fonte: ReutersForbesIlSole24OreIThome

Commenti

I più letti del mese

To Top