Inside

Coronavirus, si può passeggiare? Cosa si può fare?

coronavirus passeggiare

Dopo il decreto del Governo italiano sul coronavirus molti cittadini si chiedono cosa si possa fare e soprattutto se si può passeggiare.

Con l’ultimo decreto di Conte in materia di prevenzione per il coronavirus ci sono molti dubbi riguardo cosa si può fare e cosa non si può, alcuni cittadini si chiedono persino se si possa passeggiare all’aria aperta. Cerchiamo di rispondere a queste domande.

Decreto coronavirus, cosa si può fare, si può passeggiare?

  • L’ordinanza del 20 marzo (scaricala da qui) ha inasprito le misure restrittive.
  • Il nuovo decreto del 22 marzo (scaricalo da qui) conferma e inasprisce le precedenti misure: vietate le uscite dal comune in cui ci si trova e stop alle attività produttive industriali e commerciali non essenziali (vedi decreto). Questo decreto uniforma i Dpcm e le ordinanze finora emanate fino al 3 aprile. Sono efficaci quindi dal 23 marzo 2020 al 3 aprile 2020.

Tutto va dimostrato mediante autocertificazione (scarica il modulo da qui), che ricordiamo deve essere compilata onestamente (la veridicità delle autodichiarazioni sarà infatti controllata e chi dichiara il falso viene pesantemente sanzionato) | Se non hai la stampante puoi ricopiarlo a mano.

Il nuovo modulo di autocertificazione indica 4 voci come motivi di spostamento consentito (tra parentesi la spiegazione dei punti più dubbi da parte del capo della Polizia, Franco Gabrielli):

  • comprovate esigenze lavorative (tragitto (anche pendolare) effettuato dal lavoratore dal proprio luogo di residenza, dimora e abitazione al luogo di lavoro)
  • situazione di necessità [per spostamenti dentro il comune]
  • esigenze di assoluta urgenza [per spostamenti fuori dal comune] (anche i casi, che si stanno ripetendo con una certa frequenza in questi giorni, in cui l’interessato si rechi presso grandi infrastrutture del sistema di trasporti (aeroporti, porti e stazioni ferroviarie) per trasferire propri congiunti alla propria abitazione)
  • motivi di salute

Ciò che trovate qui sotto è relativo a livello nazionale. Fate riferimento al sito della vostra Regione, Provincia o Comune per eventuali ordinanze locali che possono contenere ulteriori restrizioni.

  1. Devo portare sempre l’autocertificazione anche se vado a passeggiare o a correre? Sì, l’autocertificazione va sempre portata con sé, sia che siate a piedi sia che siate in auto. In ogni caso la passeggiata o la corsa non è più consentita.
  2. Posso portare i rifiuti fuori da casa fino ai cestini? Ovviamente sì.
  3. Posso andare a portare fuori il cane? Solo nei pressi delle proprie abitazioni, e comunque a distanza non superiore ai 200 metri.
  4. E’ possibile portare l’animale domestico dal veterinario? Sì, ma solo per visite urgenti.
  5. Posso andare a fare la spesa? Sì, ma da soli. Inoltre con il decreto del 20 marzo è possibile restare solo in prossimità della propria abitazione, andate quindi nel supermercato più vicino. In alcune città inoltre sono stati limitati gli orari di apertura e la domenica sono chiusi.
  6. E se l’unico supermercato della zona è fuori dal comune? Si tratta di una motivazione di assoluta urgenza quindi sì, puoi andarci.
  7. Si possono acquistare beni diversi da quelli alimentari? Sì, ma solo se sono urgenti e di prima necessità (lampadine fulminate, ecc). In alcuni ipermercati sono stati transennati i reparti con beni secondari e non necessari.
  8. Posso assistere i genitori anziani? Sì, se si tratta di necessità o urgenza. Tenendo presente però che gli anziani sono i più vulnerabili in questi casi. Prendi tutte le precauzioni del caso (mascherina e guanti).
  9. E i genitori anziani senza badante in un altro Comune? Sì, ma solo nel caso di familiare non autosufficiente, perché rientra tra i motivi di assoluta urgenza e/o di salute, equiparati allo stato di necessità.
  10. E’ possibile utilizzare la bici? Sì ma solo se strettamente necessario (deve rientrare tra le condizioni di prima necessità come per chi va a piedi o in auto).
  11. I corrieri possono circolare? Sì, se state aspettando un corriere non preoccupatevi, sono ancora tutti attivi.
  12. Posso andare in banca? Sì, i servizi bancari e assicurativi sono aperti. Deve essere comunque una situazione di urgenza e necessità (altrimenti ci sono gli sportelli automatici).
  13. E’ possibile andare in farmacia e parafarmacia? Sì, ma solo in caso di effettiva necessità. Inoltre prima di recarvi in farmacia contattate sempre prima il medico via telefono.
  14. Posso andare a comprare il giornale? Sì, le edicole rimangono aperte.
  15. E’ possibile andare a comprare le sigarette? Sì, i tabacchi restano aperti.
  16. Posso andare alle Poste? Sì, ma gli orari di apertura sono stati limitati. Controlla sul sito delle Poste Italiane.
  17. Posso andare a fare una visita medica in un altro Comune? Se devi sottoporti a una visita medica in un altro comune sì, questo caso rientra tra i motivi di salute.

Cosa non si può fare

  1. E’ possibile andare a passeggiare dopo l’ultimo decreto sul coronavirus? No, con l’ultima ordinanza firmata dal ministero della Salute sono vietate le attività motore svolte all’aperto, anche singolarmente. Sono consentite solo nei pressi delle proprie abitazioni.
  2. Posso essere multato se vado a correre? Sì, perché con l’ultima ordinanza firmata dal ministero della Salute è vietato anche lo sport svolto all’aperto, anche singolarmente. E’ consentito solo nei pressi delle proprie abitazioni.
  3. E’ possibile andare a passeggiare o correre al parco dopo l’ultimo decreto sul coronavirus? No, tutti i parchi sono chiusi.
  4. Posso andare a fare una passeggiata, a correre, a portare fuori il cane o a fare la spesa con un’altra persona? Uscire e ritrovarsi con amici o parenti non è ritenuta una giustificazione valida. Sia per il contatto ravvicinato sia perché tutte queste attività possono essere fatte una persona per volta, spesa compresa. Diverse persone sono già state invitate a tornare a casa perché in due o più.
  5. E’ possibile andare dal medico di famiglia per una prescrizione di farmaci abituali? Anche questa non è ritenuta una giustificazione valida. Si consiglia sempre di chiamare e consultare il proprio medico per via telefonica. Se si ha bisogno della ricetta, è ora possibile ottenere il numero di ricetta elettronica senza più la necessità di ritirarla fisicamente.
  6. Cosa posso fare se ho sintomi influenzali o febbre superiore a 37,5? Contatta il medico di famiglia e NON uscire di casa per nessun motivo.
  7. Posso andare dal parrucchiere o dall’estetista? No, anche perché sono chiusi.
  8. Posso andare al parco? Con il decreto del 20 marzo sono chiusi tutti i parchi.
  9. Posso andare a giocare al Lotto? No, sono state sospese lotterie e slot machine.

Fonte: Dpcm 11 marzoGoverno.it – IlSole24Ore (12)

Commenti

I più letti del mese

To Top