Applicazioni & Software

Come usare Apple Wallet in Italia, cosa va e cosa non va | La nostra prova

Sono diversi mesi che utilizzo Apple Wallet per tantissime cose ogni giorno. Vi spiego a che livello è questo servizio in Italia.

Photo: iDownloadBlog
5 minuti

Se c’è una cosa per la quale non riuscire ad abbandonare il mio iPhone e iOS è proprio lui: Apple Wallet. Apple Wallet in Italia c’è da pochi mesi ufficialmente, sebbene sia dalla sua nascita disponibile anche nel nostro Paese con delle limitazioni. Ne abbiamo parlato anche noi non molto tempo fa: Apple Wallet: come aggiungere carte fedeltà e biglietti aerei.

Da qualche mese è però possibile utilizzarlo ufficialmente anche per i pagamenti con Apple Pay. Se inizialmente l’unica compatibile era Unicredit, ora sono diverse le banche a supportare ufficialmente il nuovo sistema di pagamento di Apple.

Segui Stintup anche su Facebook per supportare il nostro lavoro e non perderti nemmeno una notizia. Sulla nostra pagina Facebook arriveranno notizie in anteprima, Instant Articles esclusivi, video esclusivi, dirette e molto altro!

Apple Wallet in Italia

Apple Wallet in Italia

Il mio Apple Wallet…

Quello che vedete qui sopra è il mio Apple Wallet personale. Come potete vedere c’è davvero di tutto, non manca proprio niente… nemmeno la tessera dell’Esselunga! Però, vi dirò, non tutto sarebbe supportato nativamente da Apple.

Cosa funziona

Se avessi scritto questo articolo poche settimane fa, avrei scritto “poche cose”. Oggi invece sono molti i servizi che supportano Apple Wallet ufficialmente anche in Italia. Il caso più eclatante è sicuramente Trenitalia, che con un click permette di importare dall’app ufficiale a Apple Wallet i biglietti, treni regionali compresi. Io uso questa funzione tantissimo ed è di una comodità disarmante poter mostrare il biglietto al controllore tramite Wallet. Purtroppo ancora non vale per gli abbonamenti.

Funziona da molto tempo anche per le compagnie aeree. Tutte quelle più famose supportano da tempo Wallet. Nel mio caso l’ho utilizzato con RyanAir con grande soddisfazione circa una decina di volte. Si noti inoltre nella schermata in alto come RyanAir stessa abbia da poco cambiato il colore della card, passando dal blu al bianco, per uniformarsi al nuovo design di Apple Wallet introdotto con iOS 11.

Altra comodità è quella di poter inserire le prenotazioni degli alberghi (Booking.com) e appartamenti (Airbnb) in modo da averle sempre sottomano. In realtà non è utilissima come cosa, tranne per il fatto di avere sempre con noi l’indirizzo dell’hotel o dell’appartamento.

Esiste da tempo, anche se purtroppo sospesa, si spera, temporaneamente, la possibilità di inserire i coupon di McDonald’s. Ultimamente però i coupon hanno scadenza di 10 minuti e non c’è più quindi la possibilità di importarli in Apple Wallet come accadeva con la vecchia applicazione dell’azienda. Speriamo in un ritorno di questa funzione perché era davvero comoda per le promozioni della nota catena di fast food.

Infine, arrivata da poco, c’è la possibilità di fare una ricarica Amazon direttamente da Apple Wallet. O meglio, in Apple Wallet possiamo inserire la scheda apposita, andare in un punto SisalPay, mostrare il codice a barre tramite Apple Wallet e ricaricare il nostro conto Amazon.

Altra comodità è la possibilità di importare gli eventi ai quali ci siamo iscritti direttamente da Eventbrite. Ho utilizzato questa funzione per due eventi tenutisi nella mia Università e devo dire che la comodità di avere tutto in un unico posto è sempre un plus non da poco.

Tutti questi servizi che vi ho elencato qui sopra sono quelli che ho utilizzato in passato e che uso quotidianamente con grande soddisfazione. Ce ne sono però molti altri, come ad esempio il caso di eventi indipendenti. Ne è un esempio la Venice Marathon; dopo l’iscrizione infatti arriva direttamente nella nostra casella e-mail la possibilità di importare la scheda di conferma registrazione in Apple Wallet.

Cosa non funziona

CartaFreccia, Tessera Sanitaria (quelle che vedete dietro sono Patente e Carta d’Identità Elettronica) e bigliettino da visita di Stintup non sono state importate direttamente da Apple Wallet. Per farlo ho usato un’app apposita, ma ce ne sono davvero moltissime sull’Apple Store. Per saperne di più su come fare leggi qui: Apple Wallet: come aggiungere carte fedeltà e biglietti aerei.

Cosa significa questo? Che possono essere importate sì in Apple Wallet, ma spesso e volentieri è una cosa prettamente simbolica ed inutile. Prediamo per esempio i documenti: è inutile importarli ed averli in Apple Wallet. Il motivo è che è obbligatorio averli in formato cartaceo e sempre a portata di mano se la polizia ci ferma in Italia, visto che quelli digitali (fotografie) non valgono. L’unico motivo per il quale potrebbe valerne la pena è avere sempre sotto mano il codice fiscale, motivo per cui io stesso ho scelto di importare questi documenti.

Un altro caso più eclatante sono le carte fedeltà dei supermercati o le tessere dei trasporti. Le carte fedeltà, vedasi quella dell’Esselunga, ma lo stesso vale per le altre, non sono supportate ufficialmente. Idem le tessere dei trasporti. Personalmente utilizzo almeno una volta a settimana la Carta Freccia per acquisire i biglietti dei treni alle macchinette, ma ancora oggi devo tirare fuori il portafoglio dalla tasca, prendere la tessera e far leggere il qrcode alla macchietta.

Apple Pay in Italia

Disponibile ormai da qualche mese anche in Italia, Apple Pay è una comodità in più nella vita di tutti i giorni. Secondo alcuni non ha alcun senso visto che comunque tirare fuori il telefono o il portafoglio dalla tasca cambia poco. Vi posso assicurare che non è così, almeno nel mio caso. Uso il telefono davvero molto per rispondere ai messaggi o alle chiamate così come alle e-mail. Dunque per gran parte del tempo è nella mia mano, specie nei momenti di pausa, che guarda caso possono coincidere con una fermata al bar, al ristorante o al supermercato.

Negozi fisici

Basta premere l’icona di Apple Wallet, appoggiare il dito sul TouchID (cosa immediata) e avvicinare l’iPhone al POS. Se lo schermo di iPhone è spento basta invece fare doppio click sul tasto Home e avvicinarlo al POS.

Attenzione però che non tutti i negozi hanno il POS abilitato contactless. Ebbene sì, non tutti i POS vanno bene, ma solo quelli con il logo contactless (con le ondine, per farvi capire) o con il simbolo di Apple Pay (mai visto in Italia). Nel mio caso ho avuto solo poche volte problemi, ma ammetto di aver trovato anche diversi supermercati che non supportavano il pagamento contactless.

Online

Apple Pay è disponibile anche online. E’ infatti possibile pagare su diversi siti web e app tramite Apple Pay, semplificando di molto il processo. Nel mio caso mi sono capitati due siti web e app: RyanAir e Unieuro.

Nel caso di RyanAir ammetto che ho avuto non pochi problemi. Stavo acquistando tramite app e non sono riuscito a pagare tramite Apple Pay perché la transazione veniva rifiutata. Dopo aver provato per ben tre volte (ed aver perso la sessione, dovendo ricominciare da capo) ho deciso di utilizzare PayPal, che non fa mai una piega.

Conclusioni

Concludo dicendo che Apple Wallet in Italia, grazie al supporto diretto di vai servizi e aziende, specie quelle di trasporti e le Banche, sta diventando davvero utile e ammetto che non potrei farne a meno. Non nego che è praticamente l’unico servizio che rimpiangerei se tornassi ad Android (cosa che comunque farò per passione nel provare un po’ tutto ciò che concerne questo mondo).

Ovviamente questa opinione è personale e come io trovo questo servizio essenziale, molti di voi potrebbero trovarlo assolutamente inutile, visto che alla fine non è altro che un (comodo) sostituto di che che già abbiamo da molti anni: il portafoglio.

Ciao! Siamo alla ricerca di blogger per le sezioni “Inside”, “Tecnologia” e “Motori”.
Per saperne di più e contattarci clicca qui.
Commenti

I più letti del mese

To Top