Motori

CIR/TRA Rally San Martino: Scandola out, vince Andreucci!

5 minuti

Incredibile colpo di scena nel finale del 32° Rally San Martino di Castrozza

Sembrava tutto finito, con il veneto che aveva distaccato di quasi 10″ il toscano fino alla penultima prova speciale, quella sul Manghen. Ma la prova più temibile doveva ancora arrivare: la Val Malene. Lunga quasi 27 chilometri assomiglia più ad una speciale da mondiale: strettissima con curve secche e tratti di alta velocità, insomma tutto il possibile messo insieme.

Ed è stata propria questa speciale a “tradire” Umberto Scandola. Vi starete giustamente chiedendo il perché delle virgolette. La squadra avrebbe infatti dichiarato una misteriosa foratura di entrambe le ruote davanti lungo un tratto rettilineo. “Cosa è successo sulla Val Malena? Aspettiamoci delle polemiche, dopo il sabotaggio che ha fermato Matteo Gamba questa mattina. C’è chi parla di chiodi e chi di tagli alle coperture. Le vetture non sono ancora arrivate al traguardo, ma è già giallo.” In effetti il tutto non quadra. Se pensiamo infatti ad una doppia foratura, nella stessa prova speciale, di entrambe le gomme anteriori, c’è già da insospettirsi. Se poi si aggiunge che il tutto è avvenuto in un tratto rettilineo e asfaltato…beh, signori, altri che giallo che ne risulta. E poi, senza fare polemiche, chi segue i rally sa bene che in molti cercano di creare più “spettacolo”, si vede la neve messa in strada durante il Monte Carlo, la “sabbietta”, il terriccio o ancora la paglia e la ghiaia. Tutti ingredienti che rendono l’atmosfera più spettacolare per molti, ma che in realtà può essere estremamente pericolosa. Questa volta però è diverso. Pare infatti che sia stato creato un danno ad un singolo pilota. Ci auguriamo vivamente di sbagliarci.

Segui Stintup Motorsport anche su Facebook per supportare il nostro lavoro e non perderti nemmeno una notizia. Sulla nostra pagina Facebook arriveranno notizie in anteprima, Instant Articles esclusivi, video esclusivi, dirette e molto altro!

Detto questo vince la sesta gara del mondiale Paolo Andreucci, che va così a siglare la quarta vittoria di quest’anno. Ma anche per lui non è stata una passeggiata. Sebbene può aver gestito il ritardo (è avanti di parecchi

punti in campionato), il toscano ha dovuto sudare sette camicie per portare a termine la sua gara. Infatti ha affrontato gran parte dell’ultima prova con l’idroguida rotta. Il pilota della Peugeot Italia adesso porta a 48 punti il vantaggio sul veronese (Scandola) e di fatto ipoteca il titolo piloti quando mancano due gare alla conclusione (Sanremo e Costa Smeralda).

Al secondo posto sale Alessandro Perico con la Peugeot 207 S2000: il bergamasco con questo piazzamento si aggiudica la Coppa CSAI riservata agli Equipaggi Indipendenti, mentre il terzo posto viene ereditato da Stefano Albertini, bersagliato dalla malasorte (prima ha rotto un semiasse e poi ha forato). Il bresciano, inoltre, deve presentarsi dai commissari sportivi perché in mattinata sarebbe stato segnalato per un leggero taglio di percorso ad un Co in San Martino di Castrozza. Un gesto che potrebbe costargli una penalizzazione.

Classifica finale CIR
1. Andreucci/Andreussi – Peugeot 207 S2000 – in 1.43’58”5;
2. Perico/Carrara – Peugeot 207 S2000 – a 1’43”7;
3. Albertini/Scattolin – Peugeot 207 S2000 – a 3’43”2;
4. Luise/Taufer – Renault Clio S1600 – a 5‘’52”6;
5. Ferrari/Lamonato – Peugeot 207 S2000 – a 5’55”2;
6. Da Prà/Andrian – Renault Clio S1600 – a 7’13”8;
7. Gheno/Marchi – Renault Clio 3RC – a 11’19”0;
8. Cunial/Menegazzo – Citroen C2 R2B – a 11’34”4;
9. Bancher/Gaio – Citroen DS3 R3T – a 14”48”9;
10. Orler/Tessaro – Fiat Punto S1600 – a 20’21”5.

 

[highlight color=”yellow”]ULTIM’ORA![/highlight] Ecco la prova! Chiodo raccolto in Val Malene!

Purtroppo è proprio come non avremo mai pensato (o sperato). La foto a destra è uno dei chiodi che il Team Skoda Italia ha portato in questi minuti alla direzione gara.

“Sarebbe stato consegnato da uno spettatore ad un commissario dell’ultima speciale Val Malene dove Umberto Scandola ha patito la doppia foratura che gli è costata il ritiro. E ne sarebbero stati raccolti altri tre chilometri dopo lo start della prova finale” ha riportato il noto quotidiano online “Omnicorse”.

E non è tutto, purtroppo: Matteo Gamba ha infatti subito un sabotaggio. Non ha infatti potuto uscire dal parco chiuso per il taglio della connessione alla centralina. Davvero vergognoso!

Intanto la CSAI ha aperto un’inchiesta.

Guido d’Amore, navigatore di Scandola, a caldo ha dichiarato al collega Guido Rancati che “il ritiro della Skoda Fabia non era dovuto ai chiodi, ma ad un problema alle gomme”. I danni alle coperture non erano sul battistrada, ma sulla spalla. Ora le immagini testimoniano che c’era dell’altro. Dove si sono rovinate quelle coperture? Sarebbe stato giusto portarle in visione ai commissari tecnici e sportivi subito dopo l’accaduto. Peccato non sia stato fatto. (Riporta “Omnicorse”).

Paolo Andreucci, pilota Peugeot e vincitore della gara dopo lo stop forzato di Scandola, chiede una maggiore presenza dei commissari sulle strade: “Servono dei deterrenti – racconta il campione italiano in carica – e so cosa sta provando Umberto perché l’ho vissuto pure io. Si potrebbero mettere dei commissari a vista che possono avere il controllo sulla speciale“.

Ciò che è sicuro è che un bellissimo rally come il San Martino di Castrozza, atteso ogni anno da migliaia e migliaia di persone, che dopo anni è tornato ad essere (meritatamente) importante a livello nazionale e internazionale, è stato rovinata per colpa di vandali (bast***i) che vogliono solo rovinare ogni cosa. Erano anni che non succedevano più queste cose, speriamo quindi che sia solo un’eccezione.

Salviamo il mondo dei rally e teniamolo pulito come sempre! Grazie!

Capitolo TRA

Intanto nel TRA vince Sciessere con la Citroen C4 WRC, seguito da Fontana (Corrado) a soli 1″5. Terzo Porro a 15″2.

Va segnalato il ritiro dell’atteso di Robert Kubica, in seguito ad una brutta uscita di strada, fortunatamente senza conseguenze per l’equipaggio.

Qui sotto potete vedere le immagini dell’incidente.

 

 

 

 

 

 

 

Classifica assoluta: 1.Andreucci 2.Perico-1’43.7 3.Albertini-3’43.2 4.Luise-5’52.6 5.Ferrari-5’55.2 6.Dapra-7’13.8 7.Gheno-11’19.0 8.Cunial-11’34.4 9.Bancher-14’48.9 10.Orler-20’21.5
Classifica CIR: 1.Andreucci 2.Perico-1’43.7 3.Albertini-3’43.2 4.Cunial-11’34.4
Classifica Coppa CSAI Equipaggi Indipendenti: 1.Perico 2.Albertini 3.Luise 4.Ferrari 5.Dapra 6.Gheno 7.Cunial 8.Bancher 9.Orler
Classifica Coppa CSAI 2 ruote motrici: 1.Luise 2.Dapra 3.Gheno 4.Cunial 5.Bancher 6.Orler

Classifica finale gara TRA/Challenge: 1.Sciessere 2.Fontana Corrado a 1″5 3.Porro a 15″2 4.Taddei 5.Oriella 6.Zecchin 7.DalBen 8.Fontana L. 9.Fiora 10.Ghegin
Classifica TRA: 1.Fontana Corrado 2.Porro 3.Fontana Luigi 4.Vellani 5.Bravi

Con queste classifiche la situazione di campionato è questa:
CIR conduttori: 1.Andrecci-133 2.Scandola-87 3.Gamba-63
CIR costruttori: 1.Peugeot-176 2.Skoda-128
CIR indipendenti: 1.Perico 2.Gamba-73 3.Albertini-58
CIR 2 ruote motrici: 1.Campedelli-93 2.Nucita-54
CIR femminile: 1.Fedi 12.5

TRA conduttori: 1.Felice Re-45 2.Paolo Porro-39 3.Corrado Fontana-37

Ciao! Siamo alla ricerca di blogger per le sezioni “Inside”, “Tecnologia” e “Motori”.
Per saperne di più e contattarci clicca qui.
Commenti

I più letti del mese

To Top