La Cina cerca di ripartire dopo il Coronavirus, fabbriche e negozi riaperti

104859991 Foxconn factory

In Cina la situazione Coronavirus sembra rientrare, con l’epicentro della pandemia che si è spostata ora in Europa, Italia in primis.

Cominciano quindi a riaprire i negozi, con tutti gli Apple Store riaperti sul territorio cinese, proprio quando cominciano a chiudere in Italia.

La notizie principale è però la riapertura delle fabbriche, Foxconn in primis, ossia la principale fabbrica cinese per quanto riguarda gran parte dell’elettronica che utilizziamo quotidianamente, smartphone in primis.

Foxconn ha riaperto, tra l’altro, a ritmi sostenuti, tanto che lo stesso fondatore, Terry Gou, ha dichiarato che la ripresa della produzione ha superato le aspettative.

Se però la Cina è riuscita quasi a risolvere e arginare l’epidemia, nel resto del mondo l’OMS ha dichiarato il coronavirus come pandemia. Resto del mondo che significa anche fornitori e soprattutto clienti.

Ecco quindi che a fronte di un’offerta e una domanda che in Cina dovrebbero salire nuovamente, c’è la domanda a livello internazionale che potrebbe calare in modo drastico nel corso di queste settimane.

Per vedere gli effetti reali sull’economia mondiale bisognerà attendere più di qualche mese ovviamente, anche se i primi dati parlano di meno di 500.000 iPhone venduti in meno in Cina.

Le vendite generali in Cina parlano di 6,34 milioni di smartphone venduti durante il febbraio 2020, contro i 14 milioni del febbraio 2019. In termini percentuali si tratta di un -54,7% annuale.

A calare non sono solo gli iPhone: gli smartphone Android infatti hanno scontato un calo di spedizioni pauroso, passando dai 12,72 milioni del 2019 ai 5,85 milioni del 2020.

Pubblicato in

Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.