IMG 6089
Mash

Come costruire un Bonsai Pond in terrazza (anche per pesci e tartarughe)

I bonsai pond vanno sempre più di moda, specie nei balconi di casa. Sono ottimi come decorazioni ma anche come vasche per pesci e tartarughe

L’idea del Bonsai Pond non mi è venuta per caso. La scorsa primavera, come accade per ogni primavera da diversi anni, tiro fuori dal cilindro qualche idea per costruire la casa estiva di Uga, la mia tartaruga di 17 anni.

Idee che però non sono mai risultate soddisfacenti, tanto che quest’anno è durata veramente poco (qualche settimana). Verso inizio estate infatti avevo già cambiato idea. Uga è grande più di 15cm, ha bisogno di circa 200 litri d’acqua per stare bene e un’altezza superiore ai 30cm in modo di poter nuotare liberamente.

Così ho dato un’occhiata a diversi tipi di vasche che potessi mettere in terrazza. Alla fine, dopo serate estive passate al computer e nelle terrazze con il metro per trovare una soluzione decente, ho deciso di propendere per il mastellone.

Il mastellone è appunto un mastello grande, in polietilene (PE), adatto per durare a lungo anche se messo a diretto contatto con gli agenti atmosferici. Sono di colore nero, bianco o vinaccia (viola). Sono adibiti per uso agricolo (solitamente per la vendemmia), alimentare (quelli di colore vinaccia o bianco) e edile (colore nero).

Quelli di colore nero, oltre a costare meno, sono l’ideale per essere utilizzati all’esterno come bonsai pond. Infatti il colore nero non fa passare i raggi solari impedendo così la creazione di alghe sulle superfici interne a contatto con l’acqua stagnante. Inoltre, cosa non di poco conto, il costo è inferiore non essendo certificati per uso alimentare (cosa che a noi non interessa).

Dopo lunghe ricerche e misurazioni ho deciso di acquistare un mastello nero in PE con diametro pari a 96 cm e altezza pari a 55 cm, per una capienza totale pari a 285l. Perfetto per l’utilizzo che ne volevo fare io: bonsai pond con piante e una tartaruga.

bonsai pond
Ecco a voi sua maestà Mastellone

Occorrente per il bonsai pond

1. Mastellone (litraggio variabile, dipende da cosa ci andrete a inserire)
2. Ghiaino, lapillo vulcaino o sassi (anche qui dipende dalla vostra installazione)
3. Sabbia (facoltativo)
4. Vasi traforati per piante acquatiche
5. Piante acquatiche
6. Pezzo di sughero (solo se ci inserite una tartaruga)
7. Altre decorazioni facoltative (arella e bordura)

Il costo di tutto questo dipende da molte cose. Il mastellone, con dimensioni pari a quello acquistato da me (285 litri), ha un costo che si aggira intorno ai 25/30 Euro. Le piante dipende, se abitate in pianura padana non dovreste aver difficoltà a trovarle. Il ghiaino e la sabbia hanno un costo irrisorio. Il pezzo di sughero ha anch’esso un costo variabile. Quello che è certo è che la soluzione è, nel suo complesso, economica.

Installazione e creazione del Bonsai Pond

Fate molta attenzione a dove posizionerete la vasca. Se resterà sempre al sole l’acqua si sporcherà in poco tempo e diventerà un vero e proprio brodo durante le giornate calde estive. Se resterà sempre all’ombra i fiori e le piante non cresceranno abbastanza e l’eventuale tartaruga non riceverà il sole necessario.

La soluzione ideale l’ho trovata installando la vasca sul terrazzo a Nord. In questo modo la vasca riceve il sole diretto della mattina, per circa 3 ore.

In alternativa cercate di creare un’ombreggiatura dove batte il sole, sia superiormente che lateralmente, in modo da evitare il sole diretto almeno durante le ore più calde.

Una volta posizionato il bonsai pond, inseriamo il ghiaino o lapillo vulcanico o i sassi sul fondale. Il lapillo vulcanico, essendo poroso, aiuta l’infiltrazione dei batteri, svolgendo così da filtro biologico assieme alle piante. Questo tuttavia è facoltativo. Io, avendo una tartaruga acquatica all’interno, per ora ho preferito non inserire alcun tipo di fondo.

Stessa cosa vale per la sabbia, che possiamo inserire o meno a piacimento. Nel caso di pesci o tartarughe all’interno, fate ben attenzione ad inserire sabbia fine (di fiume) ben lavata in modo da pulirla per bene.

bonsai pond
In questa immagine potete vedere tutte le piante inserite inzialmente

A questo punto potete inserire le piante palustri, piantandole direttamente sul fondo (se inserito). Ne sono un esempio:
– Cyperus alternifolius (Falso papiro)
– Iris pseudacorus
– Juncus (Juncus Ensifolius)
– Nuphar Sagittifolia
– Mentha acquatica
– Pontedeira cordata
– Alisma Parviflora
– Alisma Plantago Acquatica
– Typha minima

Queste sono quelle da me conosciute. Personalmente ho inserito solo il Cyperus alternifolius (Falso papiro) e l’Iris pseudacorus. Questo perché ottime piante filtranti. Ebbene sì, con solo queste due piante l’acqua rimane perfettamente limpida anche dopo più di un mese dall’installazione.

Ovviamente non le ho inserite direttamente nel fondale, bensì su di un vaso traforato sospeso. Il vaso in realtà non è altro che un cestino per bici adattato. In questo modo la tartaruga non può attaccare le piante che invece sono in una posizione ottimale (a pelo d’acqua) e soprattutto protette dalle sue fauci. All’interno del vaso non ho inserito terra, bensì sassi piccoli. In questo modo le piante assorbono i nutrienti direttamente dall’acqua, ripulendola e facendo da filtro biologico.

Oltre alle piante palustri è possibile inserire quelle galleggianti, anch’esse degli ottimi filtri! Ne sono un esempio:
– Eichornia Crassipes (Giacinto d’acqua)
– Pistia Stratiotes (Lattuga d’acqua)
– Lemma Minor (Lenticchia d’acqua)
– Azolla Caroliniana
– Salvinia Natans

Personalmente ho puntato sulle prime due. La Pistia Stratiotes per il fatto che la tartaruga ne sia ghiotta (è infatti sparita dopo circa un mese e mezzo, divorata senza pietà), l’Eichornia Crassipes perché è estremamente efficace nel filtraggio dell’acqua, oltre ad essere bella esteticamente (il suo fiore violaceo è meraviglioso). Inoltre quest’ultima si riproduce rapidamente e anche dopo un mese e mezzo resiste alle fauci della tartaruga.

IMG 6090
Il fiore stupenda della Eichornia Crassipes (Giacinto d’acqua)

Infine ci sono le piante da fondo, ossia quelle che vanno nel fondale. Un esempio sono:
– Elodea Densa
– Egeria
– Ceratofillo

Su queste non so dirvi molto perché non le ho ancora provate direttamente.

Infine la corteccia di sughero è necessaria se all’interno è presente una tartaruga, di modo che essa possa andarci sopra a fare “basking” (prendersi il sole, necessario per la sua corretta crescita).

Altre decorazioni sono del tutto facoltative. Personalmente non amavo vedere un mastellone nero in terrazza, così la combinazione arella + bordura in legno ha dato man forte per dare una decisiva svolta verso il buon gusto.

bonsai pond
Il risultato finale non è così malvagio

Inverno: cosa fare con il bonsai pond?

Risposta: dipende. Dove abitate? Quanto fa freddo da voi nei mesi invernali? Ghiaccia facilmente? La temperatura va sotto zero? Sono tutte domande molto importanti da farsi.

I bonsai pond con all’interno solo piante non hanno grossi problemi. So per certo che, se ben sistemati, il Cyperus alternifolius (Falso papiro) e l’Iris pseudacorus superano tranquillamente anche gli inverni rigidi del Nord Italia (in pianura ovviamente, non chiedetemi di cosa avviene in montagna perché lì le variabili sono troppe).

So anche per certo che sempre alle stesse latitudini non resisterebbero le piante galleggianti. Parlo in particolare di Eichornia Crassipes (Giacinto d’acqua) e Pistia Stratiotes (Lattuga d’acqua). Entrambe finirebbero per marcire e seccarsi. Anche qui però dipende, se abitate al Sud magari avrete più successo. L’alternativa è ritirarle all’interno, ma qui la mancanza di luce solare potrebbe essere un altro problema. Insomma, sono piante stagionali alle nostre latitudini, c’è poco da fare.

Per quanto riguarda gli animali invece, per i pesci solitamente non c’è problema. I pesci rossi, a meno che non siano esemplari ancora piccoli, non dovrebbero aver problemi a superare l’inverno. Lo stesso vale per le gambusie, pesciolino molto resistente, ottimo per combattere le larve di zanzara.

Le tartarughe invece, di qualsiasi specie, vanno ritirare all’interno. Infatti sotto i 13° solitamente entrano in letargo. Letargo che per essere effettuato all’esterno necessita di molte precauzioni. Ossia un laghetto con profondità pari ad almeno 1 metro e soprattutto sponde non lisce e non ripide, altrimenti la tartaruga annegherebbe. Entrambe le condizioni non sono rispettate dal mastello o bonsai pond. Dunque andremo a ritirare all’interno la nostra tartaruga durante i mesi invernali (in genere da ottobre/novembre a marzo/aprile).

Il Bonsai Pond a lavoro ultimato

IMG 6070
Uga nella sua nuova casa, un po’ spaesata
bonsai pond
A sinistra: acqua limpida, dopo quasi un mese e mezzo è rimasta tale e quale grazie alle piante.
A destra: arella e bordura in legno completano il lavoro finale rendendo il tutto più gradevole esteticamente.
bonsai pond
Ultima foto scattata in ordine temporale. Mostra chiaramente l’assenza di Pistia e l’Eichornia che, seppur sopravvissuta, è stata decimata. Grande crescita di Iris e Cyperus.
bonsai pond
Dopo un forte temporale: praticamente nessun danno nonostante un fortissimo vento e moltissima pioggia, che ha riempito per bene il Bonsai Pond
IMG 6091
Uga…
IMG 6087
Ancora Uga…
IMG 6082
Temperatura dell’acqua in profondità, direi perfetta
IMG 6100
Una raganella che ci viene a trovare la sera almeno una volta l’anno…

Aggiornamento 2018

In questo 2018 il mio bonsai pond “tartarughe edition” subirà alcune variazioni, sia come piante sia come disposizione.

bonsai pond
Inverno 2017/2018 con uno spesso strato di ghiaccio nel mese di marzo (dai 3 ai 5cm!)

L’Iris, pianta rustica, sembra aver passato indenne il freddo inverno (oltre 3cm di strato di ghiaccio nel mastello), mentre il papiro, molto più debole e non abituato ai nostri freddi, sembra non avercela fatta (ma utilizzo il condizionale perché finora le giornate non sono state di certo calde).

bonsai pond
Marzo 2018

Nel frattempo Uga è uscita dal letargo invernale ed è già pronta a prendersi il primo, tiepido, sole dell’anno:

bonsai pond
Uga che fa “basking”

Nella primavera del 2018 ho deciso di aggiungere un secondo cestino identico al primo. Inizialmente l’ho lasciato vuoto.

bonsai pond
Aprile 2018
SCkulJr
Maggio 2018: una libellula è nata e cresciuta nel pond! Sarà solo la prima di una lunga serie!
EAZlmsJ
Maggio 2018: primo fiore dell’Iris
bonsai pond
Metà giugno 2018: divisione dei cestini per sfruttare meglio lo spazio acquatico per Uga e.. il falso papiro risorto!

Nell’agosto del 2018 sono state aggiunge nuovamente due piante di giacinti d’acqua (poi morti durante l’inverno nonostante l’abbiano passato in casa) e una pianta di Pontederia Cordata.

bonsai pond
Agosto 2018. Nuovo layout: cestini abbassati, acqua rialzata e quindi piante palustri leggermente sommerse per ricreare il loro habitat naturale.

Inverno 2018/2019

Per questo inverno ho deciso di aggiungere due materiali isolanti per cercare di evitare la formazione di troppo ghiaccio ma soprattutto per cercare di mantenere la temperatura il più stabile possibile, evitando pericolosi sbalzi di temperatura per le gambusie.

Ho così aggiunto:

  • lana di vetro intorno al mastello (3 fogli da 5cm di spessore, imballati in modo da resistere alle intemperie e che le fibre non vadano in giro per la terrazza o peggio dentro casa);
  • polistirolo espanso da 5cm, sagomato da me in modo da incastrarsi perfettamente sopra la vasca. Ho lasciato lo spazio sopra i due cestini in modo da far passare luce e per ricambio aria (ricordo che all’interno ho piante e pesci).
bonsai pond
Dicembre 2018, il mastello pronto per le temperature invernali.

E’ stato un esperimento ma devo dire che ha funzionato oltre le mie aspettative! La formazione di ghiaccio è stata davvero minima (qualche mm durato circa una settimana) e le gambusie sono sopravvissute senza problemi all’inverno!

Temperature rilevate con l’utilizzo della coibentazione

Giorno T. Aria T. Acqua (mattino / primo pomeriggio)
12/12/18 – Min: -2.0° +4.6°
13/12/18 – Min: -1.9° – Max: +6° +4.6°
14/12/18 – Min: +0.0° – Max: +6.5° +4.2°
15/12/18 – Min: -3.3° – Max: +4.1° +3.9°
16/12/18 – Min: -2.8° – Max: +3.0° +3.0°
17/12/18 – Min: +2.0° – Max: +8.1° +2.8°
18/12/18 – Min: -1.9° – Max: +6.1° +3.6°
19/12/18 – Min: -3.1° – Max: +5.0° +3.2°
20/12/18 – Min: +2.8° – Max: +5.9° +3.4°
21/12/18 – Min: +0.7° – Max: +3.6° +4.1°
22/12/18 – Min: +1.0° – Max: +6.2° +4.3°
23/12/18 – Min: -0.9° – Max: +6.4° +4.4°
4/1/19 – Min: -5.0° – Max: +1.0° +3.4°
5/1/19 – Min: -4.0° – Max: +2.0° +2.1°
6/1/19 – Min: -5.0° – Max: +4.0° +1.5°
7/1/19 – Min: -1.0° – Max: +7.0° +1.3°
8/1/19 – Min: +1.0° – Max: +5.0° +2.3°
9/1/19 – Min: -2.5° – Max: +1.0° +2.8°

Aggiornamento 2019

Per ora il mastello è circa nella stessa configurazione dello scorso anno, cone le stesse piante (solo un po’ più di lemna minor che ha coperto interamente la superficie dell’acqua, come potete vedere dal “mantello” di Uga).

bonsai pond
Aprile 2019: uscita dal letargo
IMG 3529 edit
Una baby libellula pronta a spiccare il volo!

Tutte le notizie più strane e più nonsense per essere inserite su Stintup le trovate su Stintup /Mash.

Si ringraziano i ragazzi del forum Tartarugando per tutti i consigli dati per la realizzazione e il mantenimento di questo bonsai pond per tartarughe.





I nostri social e alcune offerte da non perdere
SocialCanale Telegram
InstagramOfferte
TwitterNotizie
FacebookGruppo ufficiale
Per supportare il nostro lavoro basta un click :)
La mia attrezzatura: cosa uso per gestire questo blog
Iscriviti o Prova Gratis Amazon Prime
Clicca qui per acquistare qualunque cosa su Amazon e supportarci gratuitamente
Offerte attiveCodice promo
5€ gratis attivando N26 francesp7610
25€ gratis attivando Revolut Link
20€ gratis attivando Vivid Link
10€ di credito gratis su Bitpanda Link
20€ Buoni Amazon attivando HYPE NEXT SUPER
25€ gratis attivando HYPE PREMIUM PREMIUM25
5€ gratis registrandoti a Satispay: AndroidiOS STINTUPSATIS
5€ di credito gratis con ho-mobile Link
34€ di credito gratis su AirBnb Link
Buoni Amazon Gratis, Offerte e altro da non perdere
Buoni Amazon gratis: come ottenerli
Amazon Prime Student: 90 giorni gratis
Offerte di Booking.com
20 consigli per viaggiare spendendo poco
Come costruire un Bonsai Pond in terrazza (anche per pesci e tartarughe)
Commenti

I più letti del mese

To Top