Politics

La verità sul blocco Huawei: il ban USA arriva per accordi con Iran

Il blocco Huwei da parte degli USA semrbava aver fondamento nello spionaggio, ma in realtà la motivazione sono le relazioni tra Huawei e Iran.

Ieri vi abbiamo ampiamente parlato del blocco Huawei da parte degli Stati Uniti d’America, voluto prima di tutti dal Presidente Trump. In quel nostro lungo articolo (che vi consigliamo di leggere) abbiamo analizzato tutto ciò che è successo ma la causa reale di questo ban ancora non si sapeva nel corso della giornata di ieri.

Oggi 21 maggio arrivano le prime notizie riprese dal comunicato stampa del dipartimento del commercio americano in cui si annuncia la sospensione del blocco Huawei per i prossimi 90 giorni, in modo da dare il tempo all’azienda e alle aziende fornitrici di assestarsi.

Nel documento si legge anche la motivazione che ha portato a questo “blocco Huawei”:

Huawei was added to the Entity List after the Department concluded that the company is engaged in activities that are contrary to U.S. national security or foreign policy interests, including alleged violations of the International Emergency Economic Powers Act (IEEPA), conspiracy to violate IEEPA by providing prohibited financial services to Iran, and obstruction of justice in connection with the investigation of those alleged violations of U.S. sanctions, among other illicit activities.U.S. Department of Commerce

Blocco Huawei: tutto comincia all’inizio del 2019

Huawei e Skycom (società Iraniana) vengono accusati, all’inizio di quest’anno, di “frode bancaria e cospirazione, violazioni dell’International Emergency Economic Powers Act (IEEPA), cospirazione per violare dell’IEEPA e riciclaggio di denaro sporco“.

Huawei e Huawei USA furono così accusate di ostacolo alla giustizia per quanto riguarda l’indagine del Gran Giurì nel Distretto Orientale di New York.

In quell’occasione Meng Wanzhou, direttrice finanziaria e figlia del fondatore e CEO di Huawei, fu arrestata in Canada (a Vancouver) e accusata di frode bancaria, truffa informatica e cospirazioni per frodi bancarie e telegrafiche.

Meng Wanzhou

Il comunicato stampa USA diffuso a fine gennaio

Le accuse erano riferite ad un piano a lungo termine di Huawei, del suo CFO e di altri dipendenti per ingannare numerose istituzioni finanziarie globali e il governo degli Stati Uniti riguardo le attività commerciali di Huawei in Iran. Come asserito nell’accusa, a partire dal 2007, i dipendenti Huawei hanno mentito sui rapporti di Huawei con una società in Iran chiamata Skycom, affermando falsamente di non essere un’affiliata di Huawei. La società ha inoltre sostenuto che Huawei aveva svolto solo operazioni limitate in Iran e che Huawei non ha violato le leggi o altri regolamenti statunitensi o altre leggi o regolamenti relativi all’Iran.

L’aspetto più significativo, dopo le notizie pubblicate alla fine del 2012 e del 2013 che rivelarono come Huawei gestisse Skycom come affiliata non ufficiale in Iran e che Meng aveva fatto parte del consiglio di amministrazione di Skycom, i dipendenti Huawei, e in particolare Meng, hanno continuato a mentire ai partner bancari di Huawei sui rapporti di Huawei con Skycom. Esse hanno falsamente sostenuto che Huawei aveva venduto la sua partecipazione in Skycom a terzi non collegati nel 2007 e che Skycom era soltanto il partner commerciale locale di Huawei in Iran.

In realtà, Skycom era l’affiliata iraniana di lunga data di Huawei e Huawei ha orchestrato la vendita del 2007 per farla apparire come una transazione tra due parti indipendenti, mentre in realtà Huawei controllava effettivamente la società che aveva acquistato Skycom. Nell’ambito di questo schema di frode, Meng avrebbe personalmente fatto una presentazione nell’agosto 2013 ad un dirigente di uno dei principali partner bancari di Huawei, in cui ha ripetutamente mentito sulla relazione tra Huawei e Skycom. Secondo l’atto d’accusa, Huawei ha fatto affidamento sulle sue relazioni bancarie globali per i servizi bancari come l’elaborazione di transazioni in dollari statunitensi attraverso gli Stati Uniti. Le leggi e i regolamenti statunitensi in genere proibivano transazioni verso l’Iran attraverso gli Stati Uniti.

Basandosi sulle ripetute false dichiarazioni di Huawei, queste banche hanno continuato i loro rapporti con Huawei. Una banca ha liquidato più di 100 milioni di dollari di transazioni relative a Skycom attraverso gli Stati Uniti tra il 2010 e il 2014. A sostegno di questo schema per frodare, e come ipotizzato nell’atto di accusa, Huawei e i suoi mandanti hanno ripetutamente mentito alle autorità governative statunitensi sull’attività di Huawei in Iran, sia nelle dichiarazioni al governo degli Stati Uniti, sia nelle risposte alle indagini governative. Ad esempio, Huawei ha fornito informazioni false al Congresso degli Stati Uniti.

Allo stesso modo, come venne indicato nell’accusa a gennaio 2019, nel 2007 – mesi prima che Huawei orchestrasse la presunta vendita di Skycom ad un’altra entità controllata da Huawei – il fondatore di Huawei ha dichiarato il falso agli agenti dell’FBI, dicendo che Huawei non aveva alcun rapporto diretto con società iraniane e che Huawei operava in conformità con tutte le leggi statunitensi sulle esportazioni. Dopo che uno dei principali partner bancari mondiali di Huawei ha deciso di uscire dal rapporto con il gigante delle telecomunicazioni nel 2017 a causa del profilo di rischio di Huawei, la multinazionale di Shenzhen avrebbe fatto ulteriori dichiarazioni false a molti dei suoi restanti partner bancari nel tentativo di mantenere ed espandere tali relazioni.

Huawei e i suoi mandanti avrebbero ripetutamente e falsamente sostenuto che Huawei aveva deciso di porre fine alla sua relazione bancaria con l’istituto finanziario, mentre in realtà era l’istituto finanziario che aveva deciso di porre fine alla relazione bancaria. Attraverso queste false dichiarazioni, Huawei ha potuto continuare i suoi rapporti bancari con le altre banche.

Fonti: Dipartimento del Commercio USAHDblog

La verità sul blocco Huawei: il ban USA arriva per accordi con Iran
Commenti

I più letti del mese

To Top