Tecnologia

Il nuovo Apple MacBook Pro 16″ è un (gradito) parziale ritorno al passato

Apple cambia la diagonale dello schermo e soprattutto la tastiera in questo successore del modello da 15″: il nuovo MacBook Pro 16″.

Foto: TheVerge

Era nell’aria da ormai qualche mese ma da oggi è ufficiale: Apple ha cambiato la lineup dei suoi portatili e ha deciso di farlo eliminando il modello da 15 pollici sostituendolo con il nuovo MacBook Pro 16″.

La novità maggiore è quella che possiamo notare tutti. Il display IPS Retina da 16 pollici ha una risoluzione di 3072×1920, 226 ppi, quasi 6 milioni di pixel e una luminosità pari a 500 bit.

Ogni display viene calibrato scrupolosamente in fabbrica. Questo consente di ottenere un’accurata gamma dinamica, punto bianco e colori primari. Supportata ovviamente la gamma cromatica (P3) e presente anche la tecnologia True Tone.

Non fatevi però ingannare dalla nomenclatura perché non cambia solamente la diagonale del display.

La seconda novità più importante, che probabilmente è al primo posto per alcuni di voi, è la tastiera. Apple sembra aver alzato bandiera bianca con il meccanismo a farfalla e torna indietro sui suoi passi implementando una tastiera con meccanismo a forbice (riprogettato) con corsa di 1 mm.

L’azienda californiana ha inoltre introdotto nuovamente il tasto ESC fisico e spostato il TouchID leggermente a destra, che ora non è più integrato nella TouchBar ed è un vero e proprio tasto come in passato avveniva per il tasto di accensione.

Altra novità da segnalare è il nuovo sistema audio a sei altoparlanti, con due woofer “force canceling” con due driver opposti, brevettati da Apple. Rinnovati anche i microfoni che consentono una riduzione del sibilo pari al 40% e un miglior rapporto segnale/rumore.

MacBook Pro 16″ dovrebbe smaltire meglio il calore

Cambia anche lo chassis, anche se ad un occhio poco attento potrebbe sembrare uguale. Questo ha consentito di implementare una nuova architettura termica che permette un utilizzo più prolungato alle massime prestazioni rispetto al modello precedente.

Le ventole con pale e prese d’aria più grandi e un dissipatore maggiorato del 35% consentono al nuovo MacBook Pro 16″ di sopportare fino a 12 Watt in più durante i carichi di lavoro pesante.

A livello di connettività sono presenti:

  • quattro porte Thunderbolt 3 (USB‑C)
  • Wi‑Fi 802.11ac
  • Bluetooth 5.0

Novità che sarà sicuramente apprezzata è la batteria ai polimeri di litio da 100 wattora. Secondo Apple dovrebbe consentire fino a 11 ore di navigazione web wireless, fino a 11 ore di riproduzione di film sull’app Apple TV e fino a 30 giorni di autonomia in stand-by. In confezione sarà presente un alimentatore USB‑C da 96W.

Le configurazioni rimangono pressoché identiche allo scorso anno per quanto riguarda il processore, ma va segnalato che il modello base è equipaggiato (finalmente) da un SSD con capienza pari a 512GB.

  • Processori:
    • Intel Core i7 di nona generazione 6‑core a 2,6GHz (Turbo Boost fino a 4,5GHz) con 12MB di cache L3 condivisa
    • Intel Core i9 di nona generazione 8‑core a 2,3GHz (Turbo Boost fino a 4,8GHz) con 16MB di cache L3 condivisa
    • Intel Core i9 8‑core a 2,4GHz (Turbo Boost fino a 5,0GHz) e 16MB di cache L3 condivisa
  • 16GB di memoria DDR4 a 2666MHz (configurabile anche a 32GB o 64GB)
  • Unità SSD da 512GB/1TB (configurabile anche a 2TB, 4TB o 8TB)

La scheda grafica è una AMD Radeon Pro serie 5000M.

Infine ottima notizia per i prezzi, che rimangono identici allo scorso anno nonostante i graditi upgrades: si parte da 2.799 euro.

Fonte: TheVerge

Offerte ancora attive:
 11€ gratis attivando Revolut* 
 Buoni Amazon gratis: come ottenerli 
 Amazon Prime Student: 90 giorni gratis 

*Attiva Revolut e caricala con bonifico o carta, Richiedi la carta fisica, Effettua un primo pagamento con la carta.

Il nuovo Apple MacBook Pro 16″ è un (gradito) parziale ritorno al passato
Commenti

I più letti del mese

To Top