Tecnologia

Apple e Foxconn, i rapporti sarebbero sempre più freddi

cina fabbriche apple foxconn

I rapporti tra Apple e Foxconn si starebbero facendo sempre più complicati secondo un report pubblicato su The Information.

Apple e Foxconn sono da ormai diversi anni in simbiosi, infatti quasi tutti i prodotti della mela che acquistiamo arrivano dalla mega fabbrica cinese di Foxconn. E non solo quelli della mela.

Foxconn è una delle fabbriche più grandi e importanti al mondo e con il suo know how è in grado di soddisfare qualsiasi richiesta da parte di aziende di tutto il mondo, Apple compresa.

Tuttavia Apple e Foxconn non sarebbero più in buoni rapporti secondo un report pubblicato da The Information (link in fonte).

I motivi sono che mentre i margini di Apple rimangono belli alti, quelli di Foxconn si assottigliano sempre più con il passare del tempo, e per mantenerli il più alti possibile la fabbrica starebbe conducendo delle strategie che all’azienda di Cupertino non piacciono molto.

I rapporto tra Apple e Foxconn sono sempre più complicato, ecco perché

Tra queste, nel report, si leggono:

  • Dichiarazioni di assunzioni fasulle (Foxconn dichiarerebbe ad Apple di aver assunto più lavoratori di quelli reali per realizzare i prodotti).
  • Utilizzo di macchinari e strumenti Apple per costruire dispositivi della concorrenza.
  • Foxconn non rispetterebbe sempre i più alti standard qualitativi durante l’assemblaggio. Viene riportato il caso di alcuni iPhone 7 rimandati alla fabbrica come difettosi, da utilizzare per disassemblarli e riciclare alcune parti recuperabili che invece Foxconn, per evitare sprechi, li avrebbe aperti, riparati e spacciati per nuovi, senza che Apple ne fosse a conoscenza.
  • Foxconn inoltre avrebbe fatto visitare l’impianto produttivo in cui venivano costruiti i MacBook da 12″ ad alcuni dipendenti Google. Nulla di eclatante se non fosse che il prodotto non era ancora stato presentato ufficialmente.

Apple avrebbe aumentato la sorveglianza nelle fabbriche di Foxconn e al tempo stesso si starebbe guardando intorno per trovare nuovi fornitori, in modo da diversificare la produzione e non essere più completamente dipendete da un solo fornitore.

Fonte: The Information





I nostri social e alcune offerte da non perdere
SocialCanale Telegram
InstagramOfferte
TwitterNotizie
FacebookGruppo ufficiale
Per supportare il nostro lavoro basta un click :)
La mia attrezzatura: cosa uso per gestire questo blog
Iscriviti o Prova Gratis Amazon Prime
Clicca qui per acquistare qualunque cosa su Amazon e supportarci gratuitamente
Offerte attiveCodice promo
5€ gratis attivando N26 francesp7610
22€ gratis attivando Revolut Link
20€ gratis attivando Vivid Link
10€ di credito gratis su Bitpanda Link
20€ Buoni Amazon attivando HYPE NEXT SUPER
25€ gratis attivando HYPE PREMIUM PREMIUM25
5€ gratis registrandoti a Satispay: AndroidiOS STINTUPSATIS
5€ di credito gratis con ho-mobile Link
34€ di credito gratis su AirBnb Link
Buoni Amazon Gratis, Offerte e altro da non perdere
Buoni Amazon gratis: come ottenerli
Amazon Prime Student: 90 giorni gratis
Offerte di Booking.com
20 consigli per viaggiare spendendo poco
Commenti

I più letti del mese

To Top