Politics

Amazon rinuncia al nuovo quartier generale di New York

Amazon ha deciso di non proseguire la costruzione del secondo quartier generale a New York dopo le proteste delle opposizioni.

Una sede di Amazon

Niente quartier generale Amazon nel Queens, a New York. I motivi? Politici soprattutto, con Alexandria Ocasio-Cortez, democratica, in prima linea tra l’opposizione.

A dire il vero non tutta la politica era contraria: il governatore Andrew M. Cuomo e il sindaco di New York Bill de Blasio avevano dato pieno supporto all’operazione, cosa che non è bastata evidentemente.

L’opposizione ha spinto molto su uno dei temi più importanti in casi come questi, come già visto in passato: il prezzo degli immobili e gli affitti in aumento esponenziale.

Senza contare il traffico in possibile congestione oltre ai mezzi pubblici che, specie nei primi tempi, potrebbero risultare insufficienti, causando non pochi problemi agli attuali pendolari.

Ma non è tutto qui: come detto, infatti, i motivi sono per lo più politici.

Amazon avrebbe infatti ricevuto 3 miliardi di dollari in sgravi fiscali in cambio di 25.000 nuovi posti di lavoro nell’area.

Amazon, sostiene il sindaco di New York de Blasio, forte sostenitore di questa operazione, non avrebbe voluto nemmeno provare a dialogare per risolvere il problema.

Per contro, la società non ha voluto chiarire più di tanto i dettagli, sottolineando soltanto che il 70% dei cittadini newyorkesi erano a favore del nuovo quartier generale in città, ma l’opposizione di un gruppo di politici si era chiaramente schierata contro.

Altro in Politics: stintup.com/inside/politics.

Fonte: Amazon Blog – Via: HDblog

Commenti

I più letti del mese

To Top