Tecnologia

5G lento, il primo test con Qualcomm è un flop

5G lento

Durante la prima dimostrazione “pubblica” le reti di nuova generazione hanno fatto flop e c’è già chi parla di 5G lento.

Photo: The Verge

Quando sentiamo parlare del 5G, come naturale evoluzione del 4G, la prima cosa a cui pensiamo è la velocità di connessione (ai più attenti verrà in mente anche e soprattutto al latenza quasi azzerata). Eppure dopo il primo test pubblico di Qualcomm l’unica cosa a cui pensiamo è: 5G lento!

A Maui, nelle Hawaii, è infatti in corso il Qualcomm Snapdragon Tech Summit. L’azienda americana ha appena presentato il nuovo processore Snapdragon 855 che, guarda caso, è capace di supportare le reti 5G con il modem X50 5G.

La location è al top, l’attesa è tanta, la tecnologia c’è e i giornalisti presenti non chiedono altro che “fateci vedere e provare con mano questo fatidico 5G”.

Visto che tra meno di un mese il 5G farà ufficialmente il suo debutto in alcune aree del mondo, Verizon e AT&T non ci hanno pensato un secondo a riempire gli spazi dell’evento con apposite antenne 5G.

Non mancano neppure due smartphone in grado di connettersi alle reti di nuova generazione: un prototipo Samsung e un Moto Z3 con Mods 5G (che è il primo smartphone al mondo attualmente commercializzato a supportare le reti di futura generazione).

5G lento
Moto Z3 con Mods 5G connesso alle reti 5G | The Verge

Tuttavia è stato esplicitamente vietato ai giornalisti anche solo avvicinarsi ai prodotti in mostra. Il motivo è più che valido: la connessione è scarsa e non si fa altro che parlare di “5G lento”.

Connessione più lenta di quella che ho a casa.

Un giornalista di The Verge

Perché si parla di 5G lento?

Al summit delle Hawaii di Qualcomm c’era tutto ciò che serviva per mostrare al mondo le reali potenzialità del 5G: antenne 5G di Ericsson, hotspot di AT&T e Verizon, smartphone abilitati alla connessione 5G e ovviamente linee attive.

5G lento
Un router 5G presente all’evento delle Hawaii | The Verge

Allora perché non ha funzionato? Perché si parla di 5G lento? La risposta è semplice: la rete 5G a 39GHz disponibile a Maui può raggiungere al massimo i 140 Mbps. Se vi sembrano abbastanza, pensate che alcune reti LTE (attuale 4G) sono capaci di raggiungere i 400 Mbps.

Niente a che vedere insomma con il multi-gigabit che il 5G dovrebbe permettere. Ericsson ha affermato che la causa di questo flop è da ricercarsi in una rete con spettro di soli 100MHz (contro i 400 – 800MHz ottimali) e il poco tempo per effettuare i test.

Sarà multi-gigabit quando sarà attiva e ottimizzata.

L’intento della dimostrazione live delle reti 5G al tech summit è di dimostrare l’esperienza utente del 5G piuttosto che i picchi di velocità.

Verizon

L’intento della dimostrazione live delle reti 5G al tech summit è di dimostrare l’esperienza utente del 5G piuttosto che i picchi di velocità.

Qualcomm

Non stiamo cercando di mostrare nessuna velocità, qui stiamo solo discutendo di casi d’uso.

Samsung

Quel che stiamo mostrato qui non sono le misurazioni delle performance attuali, ma gli scopi d’uso.

Ericsson

Infine Motorola ha confermato a The Verge che le velocità erano limitate, all’evento, alla velocità di 130-140 Mbps.

Nel frattempo aumentano le preoccupazione per i possibili danni alla salute delle reti presenti e future.

Fonte: TheVerge

Commenti

I più letti del mese

To Top