Business

Volkswagen si prepara a tagliare 30 mila posti di lavoro

Matthias Mueller e Herbert Diess annunciano tagli pari a 30 mila posti di lavoro nel Gruppo Volkswagen, di cui 23 mila solo in Germania

1 minuto

Il quotidiano Handelsblatt stamani ha anticipato le dichiarazioni ufficiali dell’amministratore delegato Matthias Mueller e da Herbert Diess, numero uno della Volkswagen, in una conferenza stampa tenuta a Wolfsburg. E’ quindi ufficiale: Volkswagen taglierà entro il 2020 ben 30 mila posti di lavoro, di cui ben 23 mila (quasi il 77%) nella sola Germania. Manca solo l’approvazione del consiglio di sorveglianza (dieci posti su venti sono dei sindacati) che dovrebbe arrivare entro poche ore.

I dipendenti del gruppo Volkswagen sono oltre 600 mila, di cui la metà nei soli siti tedeschi dell’azienda. Un taglio di 30 mila posti equivale quindi al 5% dei dipendenti, un dato che non fa balzare sulla sedia quindi se letto in forma percentuale ma che fa più paura se si considera che saranno 23 mila a perdere il posto di lavoro nella sola Germania.

Segui Stintup anche su Facebook per supportare il nostro lavoro e non perderti nemmeno una notizia. Sulla nostra pagina Facebook arriveranno notizie in anteprima, Instant Articles esclusivi, video esclusivi, dirette e molto altro!

Le conseguenze del dieselgate continuano

La motivazione principale è la cosiddetta “crisi del dieselgate”, unita alla conseguente trasformazione aziendale verso le vetture sostenibili e quindi l’elettrico in primis.

Accanto ai tagli stimati per 3,7 miliardi l’anno entro il 2020, ci saranno anche degli investimenti di 3,5 miliardi per la ristrutturazione dei siti tedeschi.

Il piano di ristrutturazione più importante nella storia della marca Volkswagen – ma – il vero lavoro inizia adesso e la realizzazione del piano non sarà facile.

Matthias Mueller, AD VW

E’ necassaria una precisazione da fare riguardante i modi con cui verrà ridotto l’organico: niente licenziamenti ma solo prepensionamenti, passaggio al part time dei dipendenti più anziani e mancato rinnovo dei contratti a termine. Tutto questo per rispettare il piano strategico presentato da Mueller che non prevede alcun licenziamento in Germania fino al 2025.

Oltre che in Germania sono previste riduzioni negli impianti Volkswagen in Nordamerica, in Brasile e anche in Argentina.

 

Il mercato dell’auto è alla vigilia di una profonda trasformazione. Tutti dovranno ristrutturare, ma noi lo facciamo in anticipo.

Herbert Diess, numero uno Gruppo VW

Come detto in precedenza, il Gruppo Volkswagen punterà molto sull’elettrico, tanto che tali investimenti porteranno alla creazione di 9 mila nuovi posti di lavoro. Ricordiamo anche come gli altri marchi del Gruppo, in primis Audi, siano orientati ad un futuro elettrico anche nel settore Motorsport; proprio Audi sembra infatti propensa ad un’entrata in scena in Formula E (la Formula 1 elettrica).

La e-Golf è solo la prima di una lunga serie

La e-Golf è solo la prima di una lunga serie

Fonte: IlSole24Ore

Ciao! Siamo alla ricerca di blogger per le sezioni “Inside”, “Tecnologia” e “Motori”.
Per saperne di più e contattarci clicca qui.
Basta un LIKE su Facebook per supportare Stintup.
Siamo anche su TelegramInstagram, Periscope e YouTube.
Commenti

I più letti del mese

To Top