Business

Apple: fatturato annuo in calo per la prima volta dal 2001

Fatturato dell’annuo fiscale 2016 in calo per la prima volta per Apple dal 2001, causato anche dal calo nelle vendite di iPhone

2 minuti

Era dal lontano 2001 che Apple non subiva un calo del fatturato annuo. Si è passati da un fatturato pari a $233.7 miliardi nel 2015 ai $217 miliardi dell’anno fiscale 2016. La causa principale è il calo delle vendite di iPhone, del 5% anno dopo anno, nonostante in questo Q3 2016 ne siano stati venduti 45,51 milioni battendo la stima degli analisti pari a 44,8 milioni.

Apple in questo 2016 ha presentato troppe poche novità, tra cui un mancato rinnovamento della serie Mac che dovrebbe arrivare tra due giorni, anche se il condizionale è d’obbligo. Ma il problema principale sono le vendite di iPhone, che difficilmente subiranno un’impennata con questo nuovo 7, troppo simile ai predecessori per sperare che i clienti con in mano un 6 o 6s lo vendano per passare al 7.

Segui Stintup anche su Facebook per supportare il nostro lavoro e non perderti nemmeno una notizia. Sulla nostra pagina Facebook arriveranno notizie in anteprima, Instant Articles esclusivi, video esclusivi, dirette e molto altro!

Per Apple si tratta del primo calo del fatturato in ben 15 anni

Si parla di un calo del fatturato del 9%, non poco nemmeno per un’azienda come Apple, che sebbene abbia una liquidità da far paura a qualsiasi azienda esistente nel mondo, ha un business troppo concentrato su singoli prodotti, o meglio dire su di un singolo prodotto: iPhone. Quest’ultimo infatti ha trainato il fatturato dell’azienda sin dai primi modelli, andando a spodestare lo scettro spettante prima alla serie Mac e poi agli iPod.

id540124_1

Non solo iPhone però è in calo rispetto all’anno precedente (attenzione però, bisognerà aspettare il quarto trimestre per verificare le vendite di iPhone 7, che dovrebbero superare quelle del 6S), anche iPad è in calo del 6%, senza contare la serie Mac che è in caduta libera (14%).

I nostri risultati del trimestre di settembre concludono un anno fiscale 2016 particolarmente di successo per Apple. Siamo entusiasti della reazione dei clienti ad iPhone 7, iPhone 7 Plus e Apple Watch Series 2, così come dell’incredibile momento del nostro business dei Servizi, in cui il fatturato è cresciuto del 24%, raggiungendo il record di sempreTim Cook, CEO di Apple

Per Apple però c’è un’ancora di salvezza: i servizi. iCloud, iTunes e Apple Music crescono di un buon 24% su scala annua, sinonimo di come Apple stia puntando molto anche in questo settore, sempre più importante. Basti pensare che la categoria Servizi vale ad Apple $24.3 miliardi, diventando così la seconda categoria per importanza nel fatturato dell’azienda di Cupertino.

Tuttavia solo iPhone, che copre il 60% del fatturato annuo di Apple in questo Q3 2016, potrebbe invertire questa tendenza al ribasso riportando Apple a crescere. Serve un modello innovativo e dei prezzi non troppo elevati, in modo da catturare l’attenzione di una clientela più ampia. Vedremo Tim Cook cos’avrà in mente nei prossimi mesi. Noi siamo fiduciosi e ci aspettiamo molto dai prossimi Mac e soprattutto dal prossimo iPhone 8.

Fonte: Apple, TheVerge

Ciao! Siamo alla ricerca di blogger per le sezioni “Inside”, “Tecnologia” e “Motori”.
Per saperne di più e contattarci clicca qui.
Basta un LIKE su Facebook per supportare Stintup.
Siamo anche su TelegramInstagram, Periscope e YouTube.
Commenti

I più letti del mese

To Top